Ravenna-viso-in-aria: di scena il Teatro del Drago con “Il rapimento del principe Carlo”

Più informazioni su

La rassegna Ravenna-viso-in-aria – Prologo a La stagione dei teatri prosegue giovedì 22 ottobre alle 17.30 al teatro Rasi di Ravenna con lo spettacolo della Comapgnia Teatro del DragoIl rapimento del principe Carlo“, tratto da un testo della tradizione popolare del 1800, di e con Mauro e Andrea Monticelli.

Lo spettacolo di burattini tradizionali emiliano-romagnoli Il rapimento del principe Carlo è rappresentato dai burattinai Mauro Monticelli e Andrea Monticelli della Compagnia Teatro del Drago di Ravenna, una delle formazioni storiche del teatro italiano, riconosciuta dal Mibact e dalla Regione Emilia- Romagna. È una produzione del 1983 che ha avuto molto successo in Italia e all’estero ricevendo premi e segnalazioni in alcuni dei più importanti festival nazionali e internazionali.

LA TRAMA

Lo spettacolo, proviene da un vecchio canovaccio della metà dell’Ottocento. La storia inizia nella reggia di un vecchio re a cui è stato rapito il figlio. Viene dato ordine ai servi e ai soldati di andare a cercare il Principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca, parte anche Fagiolino, aiutato dai consigli della vecchia Fata Circe. Presto, lo trova nel bosco della Rogna, nelle mani del terribile e potente brigante Spaccateste e del suo gigante. Fagiolino, dopo un lungo duello, bastona senza pietà i cattivi e riporta sano e salvo il Principe Carlo a suo padre il re. In onore di Fagiolino sarà fatta una grande festa.

I PERSONAGGI

Fagiolino è il personaggio principale e più importante del teatro dei burattini della Famiglia d’Arte Monticelli, povero di portafoglio e ricco di appetito; sa essere generoso coi deboli e severo coi cattivi e coi potenti in vena di strafare. Infatti la giustizia se la fa con le sue mani usando il suo inseparabile bastone. Fagiolino è facilmente riconoscibile per la cuffia bianca che porta in testa da monello bolognese. Sandrone, maschera modenese, rappresenta il contadino delle campagne. Burattino molto buffo e rozzo per la sua testa grossa, bitorzoli, occhi sbarrati e per il suo modo di parlare in italiano storpiato misto al dialetto.
Brighella, personaggio della Commedia dell’Arte. Con un carattere intrigante e furbesco, il più’ delle volte molto imbroglione, ora insolente, ora fintamente cerimonioso. Veste una palandrana bianca con bordi e motivi in verde. Parla un miscuglio di bergamasco e veneziano.

Il Dottor Balanzone e una maschera della commedia dell’Arte del 1600. Proveniente da Bologna, dottore per eccellenza parla un latino maccheronico; è vestito tutto in nero: veste, mantello e cappello, solo al collo porta un bavero bianco. Le sue sentenze vengono dettate con tono austero e dotto. Fata Circe è la figura che, nel teatro dei burattini, impersona il bene; viene chiamata da Fagiolino erroneamente “Ciucciafurmighi” (ciucciaformiche). Con i suoi poteri e i suoi consigli sa aiutare sempre persone bisognose e nei guai. È perennemente in guerra con i cattivi (diavoli, mostri, scheletri, ecc..).

Il Brigante e il Gigante sono personaggi protagonisti per eccellenza negli spettacoli tradizionali di burattini. Sono di volta in volta sostituiti, a secondo dei differenti soggetti, da altre figure malefiche tipo maghi, draghi, morti viventi ed hanno il compito di ostacolare ed impedire a chiunque di far del bene. Vengono però immancabilmente bastonati a volontà da Fagiolino e suo fratello (il bastone).

BIGLIETTI

Ingresso 8€
Under14 5€
I biglietti sono in vendita su vivaticket.com, il giovedì al teatro Rasi dalle 16.00 alle18.00 e da un’ora prima di ogni spettacolo presso la biglietteria del Teatro Rasi tel. 333 7605760 / 0544 30227

Informazioni Ravenna Teatro tel. 333 7605760 / 0544 36239 info@ravennateatro.com.

Più informazioni su