Quantcast

Bagnacavallo. Cinema: al lavoro per l’arena estiva, con partenza prevista attorno a metà giugno

Tornerà anche quest’anno il cinema estivo a Bagnacavallo. Comune e Cinecircolo Fuoriquadro stanno infatti lavorando per far partire la nuova stagione, il cui inizio è previsto per il mese di giugno. Proprio nei giorni scorsi è stato effettuato un sopralluogo al Parco delle Cappuccine di via Berti, sede dell’arena. Erano presenti, assieme a Gianni Gozzoli e Ivan Baiardi del Cinecircolo Fuoriquadro, l’assessore ai Lavori Pubblici Vilio Folicaldi, il capo Ufficio Lavori Pubblici Luigi Cipriani e la capo ufficio Cultura del Comune Francesca Benini.

“Ci stiamo impegnando – ha specificato Gianni Gozzoli –  per far partire la trentasettesima edizione di Bagnacavallo al Cinema, sedicesima di gestione del Cinecircolo Fuoriquadro per il Comune. La nostra idea è di aprire verso metà giugno: tante cose sono ancora incerte ma noi siamo fiduciosi di riuscire ad aprire nei tempi indicati”.

Nell’attesa della definizione della stagione, delle modalità di accesso e dei titoli in programma, una novità è già certa. Gli spettatori avranno quest’anno a disposizione nuove sedute: il Comune ha infatti appena acquistato oltre 300 poltroncine con braccioli che andranno a comporre la platea dell’arena.

“Da numerosi anni – osserva l’assessora alla Cultura Monica Poletti – Bagnacavallo punta molto sul cinema estivo, con stagioni che propongono titoli di grande interesse, in grado di attirare spettatori da tutta la provincia e oltre. È quindi massimo il nostro impegno per garantire la continuità del progetto, in un’arena rinnovata per la comodità degli spettatori”.

Anche nel 2020, pur iniziata in ritardo rispetto al solito a causa della pandemia e con la minor capienza dovuta alle norme di sicurezza anti-Covid (i posti in platea erano passati da 280 a 110-140), la rassegna cinematografica di Bagnacavallo aveva fatto registrare risultati importanti in termini di affluenza. La rassegna aveva proposto circa settanta serate di proiezioni per una sessantina di film diversi, dal cinema d’essai a quello per famiglie, fino ad arrivare al cinema di intrattenimento e ai blockbuster.