Quantcast

“Toccami piano, amami forte”, due serate di musica e letture con l’associazione SOS Donna di Faenza

“Toccami piano, amami forte” è un’iniziativa promossa e prodotta dalla Associazione di Promozione Sociale Compagnia delle Feste di Faenza e rappresenta il seguito di una collaborazione fra quest’ultima e SOS Donna di Faenza. Nasce in un periodo particolarmente complesso per il nostro territorio, segnato da cruenti fatti di cronaca, in un periodo dove il distanziamento è un’arma a doppio taglio e si pone l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico su problemi purtroppo all’ordine del giorno.

Il titolo dell’evento è un gioco di parole: “Toccami Piano Amami Forte”. Quattro parole che, opportunamente combinate, svelano il tema della serata.

Lunedì 14 e martedì 15 giugno, nella suggestiva cornice del chiostro di Piazza Santa Maria Foris Portam (già Santa Maria ad Nives), i racconti di Serena Dandini, i versi di grandi poeti e le note di grandi musicisti suonate al pianoforte, si susseguiranno per trasmetterci emozioni.

La prima serata, sarà caratterizzata da una selezione di letture tratte da “Ferite a morte” di S. Dandini, interpretate dalle volontarie della Associazione SOS Donna di Faenza e del gruppo teatrale Compagnia delle Feste.

Una fisarmonica e un pianoforte ci accompagneranno lungo questo percorso tragico, a tratti ironico, in cui le vittime di violenza ci racconteranno di come si sarebbe potuto evitare il peggio.

La seconda serata, prevalentemente musicale, vedrà Martina Drudi impegnata al pianoforte nell’interpretare una accurata selezione di brani di importanti autori romantici.

I brani saranno intervallati da poesie di famosi autori la cui interpretazione è lasciata, questa volta, a lettori uomini, attori della Compagnia delle Feste.

L’evento si svolgerà, anche in caso di maltempo, nel pieno rispetto delle norme sanitarie e protocolli vigenti. L’ingresso alla serata sarà ad offerta libera e il numero di posti verrà contingentato assegnandoli sulla base delle norme di distanziamento.

SOS Donna di Faenza