Quantcast

È uscito il nuovo singolo del musicista di Castel Bolognese Cristian Cicci Bagnoli “The ballad of the ocean”

Più informazioni su

Da poche ore è in commercio su tutti i digital store, prodotto da Over Studio Records per le edizioni Raul Girotti, il nuovo singolo di Cristian Cicci Bagnoli intitolato “The ballad of the ocean“, che segna una netta svolta della sua carriera musicale: Bagnoli abbandona infatti il rock e le chitarre elettriche per dedicarsi a suoni più acustici e blues anche se, ascoltando questo singolo si percepisce la sensazione di un brano adatto ad una colonna sonora cinematografica.

Un lavoro discografico che apre un nuovo ciclo musicale per l’artista di Castel Bolognese, che affronta nuovi stili e sonorità a cui non era avvezzo, lavoro che prosegue incessantemente per dare vita entro fine anno alla realizzazione di un nuovo disco. Ad affiancare Cristian in questo nuovo percorso musicale c’è un grande musicista e produttore, Max Marcolini, da anni al fianco di Zucchero e tanti altri artisti. A questo singolo, oltre a Marcolini alla chitarra e tastiere, hanno preso parte anche Marco Dirani al basso e Tommy Graziani alla batteria.

cristian cicci bagnoli

Cristian, un nuovo percorso musicale per dare vita al tuo quinto lavoro discografico. Cosa ti ha spinto ad abbandonare la tua chitarra elettrica e il sound prettamente rock che ti ha identificato fino ad ora?

Con il prezioso aiuto di Max Marcolini sto affrontando questo percorso fatto per me di nuove sonorità come blues e fusion e, per la prima volta nella mia carriera, utilizzo anche una sezione fiati. Credo di aver raggiunto una maturità musicale che mi possa permettere di guardare anche verso altri generi, cosa che non avevo mai fatto prima.

Una sorta di esigenza di cambiamento?

Assolutamente sì. Sentivo l’esigenza di esplorare nuovi generi, di avere una mia panoramica musicale più completa, altrimenti tutti i lavori sarebbero sempre stati più o meno simili. In questo periodo, in cui lavoro intensamente a questo nuovo disco, mi sto rendendo conto quanto sia gratificante addentrarsi in queste nuove sonorità. Durante il lockdown ho avuto tempo di scrivere questi brani, che andranno a comporre il nuovo disco.

Oltre al singolo appena uscito, il resto dei brani che stai componendo vedrà sempre la partecipazione degli stessi musicisti?

Max Marcolini, Marco Dirani e Tommy Graziani ci saranno sempre. Poi ci saranno degli ‘special guest’ come lo storico sax di Vasco, Andrea Innesto, oppure la tromba di Sandro Comini, col quale abbiamo già inciso. Il cantiere è ancora aperto e prossimamente arriveranno anche altri musicisti a trovarmi.

L’uscita del nuovo album è prevista per fine anno. Una scelta specifica?

Diciamo che ce la stiamo prendendo con comodo, per fare bene le cose serve sempre tempo. In questo modo riusciremo a portare a termine il lavoro nel migliore dei modi.

Hai già dato il titolo al nuovo album?

No, il titolo non c’è ancora, stiamo lavorando su alcune idee, ma ancora non l’abbiamo definito.

Più informazioni su