Quantcast

Ravenna Festival. Alla Rocca Brancaleone grande successo per l’omaggio a Igor Stravinskij foto

L’omaggio di Ravenna Festival a Igor’ Stravinskij, nel cinquantesimo anniversario della morte, è proseguito con due suites tratte da suoi balletti e affidate alla direzione di Charles Dutoit, la cui carriera ultra sessantennale ha segnato la storia della musica accanto ai giganti del Novecento.

Alla Rocca Brancaleone venerdì 18 giugno, il direttore svizzero ha diretto la Slovenian Philharmonic Orchestra con Jeu de cartes, dal balletto che Stravinskij immaginò nel 1935 come una vera partita a poker, e la seconda suite da L’uccello di fuoco, il balletto ispirato alla Russia magica e primordiale che rivelò al mondo intero il nome del futuro compositore della Sagra della Primavera, casus belli che fece litigare l’Europa musicale d’inizio Novecento.

Tra le due suites, Dutoit ha diretto il pianista argentino Nelson Goerner nel Primo Concerto per pianoforte e orchestra di Čajkovskij, il titolo più arduo per un solista della tastiera, ma paradossalmente rifiutato dal primo dedicatario, Nikolaj Rubinstein, che nel 1875 non accettò il lavoro giudicandolo ineseguibile. L’appuntamento, reso possibile dal sostegno dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, è già sold out ma sarà in diretta streaming su ravennafestival.live.