Quantcast

Prende il via il cartellone di arte e jazz a Villa Verlicchi di Lavezzola

Più informazioni su

Le porte di Villa Verlicchi e D.A.R.T. a Lavezzola, riaprono dopo la lunga parentesi di inattività dovuta al lockdown, e lo fanno con un cartellone estivo di tutto rispetto, composto da mostre e laboratori artistici organizzati da C.R.A.C. (Centro in Romagna Arte Contemporanea) e serate di musica Jazz e classica nel giardino all’ italiana ricostruito durante la pandemia.

Partenza questa mattina, sabato 26 giugno, con AscoltoGuardoParlo, un workshop gratuito di arte ambientale itinerante, condotto da Antonella De Nisco, l’artista dell’associazione LAAI, col supporto di Giorgio Teggi, dove un gruppo di cittadini ha sperimentato, con gli artisti, la costruzione collettiva di oggetti simbolici per l’utilizzo collettivo degli spazi naturali e la manutenzione poetica dei luoghi.

L’intreccio di materiali naturali permetterà di realizzare e collocare oggetti e forme all’interno del parco «Maria Fontana» a Lavezzola, arricchendolo di ulteriori significati. «Anche l’artista è chiamato a farsi mediatore di questi luoghi marginali, rarefatti e fragili – sottolinea nella presentazione del progetto Antonella De Nisco – a favore della comunità e della natura diventando, grazie alle sue visioni, un soggetto di riferimento per pensieri attuali e futuri».

L’esplorazione creativa, continua, il 4 luglio alle 21, con «La notte delle chitarre», dove le sonorità jazz della chitarra elettrica di Dagmar Benghi dialogherà con le azioni poetiche di Antonio Caranti che ne dipingerà i suoni, mentre Gianni Mazzesi di CRAC porterà la voce e Laura Rambelli darà corpo ad una danza performance.

Durante la serata saranno proposti la contaminazione di alcuni linguaggi visivi con le sonorità di musicisti come Stefano Savini e la sua chitarra classica in “sette notturni” di sua ideazione e con la presentazione del disco “Short Stories” di Gabriele Bombardini.

I concerti proseguono nelle domeniche di luglio con «Jazz sotto le stelle», l’11 luglio alle 21, con Valentina Monti Quintet; poi è la volta di «Non sparlate sul pianista», il 18 luglio alle 21: una performance di Alessandro Guidi e Matteo Farnè ai pianoforti su musiche di Faurè, Mozart e Saint-Saëns, con la voce di Giacomo Sangiorgi e testi suoi e di Erik Satie e Alessandro Baricco.

I concerti si chiudono domenica 25 luglio alle 21 con «Mozart vs Rossini» del Trio Est con Antonio Cortesi al violoncello, Luca Di Chiara al contrabbasso e Nicola Nieddu al violino. Nel frattempo, al secondo piano della Villa si sta svolgendo la prima Residenza d’Artista col progetto Allo En Allo che fa collaborare un artista romagnolo, Massimiliano Marianni, e un collettivo di artiste di Alessandria, Didymos, ad un unico lavoro artistico realizzato appositamente per gli spazi della Villa Verlicchi.

L’1,8,15 luglio ore 18,30-20, verrà proposto un workshop col pubblico per avvicinarli ai contenuti del lavoro degli artisti.

Più informazioni su