Quantcast

Numero speciale su Luigi Einaudi – a 60 anni dalla scomparsa – di Libro Aperto, la rivista culturale diretta da Antonio Patuelli

Più informazioni su

È in uscita il numero speciale su Luigi Einaudi a sessant’anni dalla scomparsa di Libro Aperto, la rivista culturale diretta da Antonio Patuelli ed edita dalla omonima Fondazione senza scopo di lucro e frutto esclusivamente di volontariato.

Questo volume, di grande formato, di 320 pagine, contiene saggi e scritti di: Roberto Einaudi su “Rileggere Luigi Einaudi”; Giuseppe Morbidelli su “Il costituzionalismo in Luigi Einaudi”; Ferruccio de Bortoli su “Einaudi e Albertini”; Paolo Bagnoli su “Il metodo della libertà”; Pierluigi Ciocca su “Luigi Einaudi, il dovere dell’economista”; Dario Velo su “Einaudi federalista”; Luigi Compagna su “Patriota non nazionalista”; Pierluigi Visci su “E dopo di lui, scrisse Flaiano, venne la Repubblica delle pere indivise”; Maurizio Sella su “Luigi Einaudi, agricoltore”; Salvatore Carrubba su “Rileggere Einaudi, un vaccino per l’ignavia”; Giuseppe Bozzi su “Intransigenza morale per la libertà”; Giuseppe Bedeschi su “Il liberalismo tra Croce ed Einaudi”; Sandro Rogari su “Lo scrittoio del Presidente”; Cosimo Ceccuti su “Luigi Einaudi e Nuova Antologia”; Gerardo Nicolosi su “Luigi Einaudi e il Risorgimento nazionale”; Giuseppe Vegas su “La contabilità pubblica come strumento di governo nell’opera di Luigi Einaudi”; Maurizio Tarantino su “Benedetto Croce e Luigi Einaudi: liberali, intellettuali, amici”; Gabriele Canè su “I tweet immortali di Einaudi”; Paolo Giacomin su “Ripartire da Dogliani”; Giovanni Corradini su “Einaudi: insegnamenti imprescindibili”; Camillo Venesio su “Luigi Einaudi, l’arte difficile del banchiere, la competenza e la concretezza”; Giorgio Amadei su “Per l’Europa federale e il salvataggio della moneta”; Raffaello Morelli su “Sessanta anni dopo la scomparsa”; Pierluigi Barrotta su “Einaudi per la concorrenza”; Ernesto Paolozzi su “Ideale e reale in Croce ed Einaudi”; Beppe Facchetti su “Modernità permanente”; Pier Franco Quaglieni su “L’autorità morale di Luigi Einaudi”; Paolo Scapparone su “Einaudi critico di Keynes. Due diverse concezioni del risparmio”; Corrado Sforza Fogliani su “Einaudi, per la Patria e per i risparmiatori”; Gilberto Muraro su “Einaudi e le disuguaglianze sociali”; Giancarlo Mazzuca su “Quel ragazzo delle Langhe”; Ferdinando Meacci su “Capitale, lavoro e risparmio nel pensiero di Luigi Einaudi”; Guido Stazi su “1943-1948: Luigi Einaudi e la ricostruzione della Nazione”; Paolo Armaroli su “Einaudi al Quirinale”; Tito Lucrezio Rizzo su “Einaudi, apostolo della libertà della persona contro l’onnipotenza dello Stato”; Michele Cassandro su “Liberalismo e liberismo. Il dialogo tra Croce ed Einaudi”; Giuseppe De Lucia Lumeno su “Einaudi e Luzzatti, la stima fra due personalità libere”; Aldo Giovanni Ricci su “Einaudi, Soleri e il risanamento finanziario”; Guido Lenzi su “La politica estera per Einaudi”; Zeffiro Ciuffoletti su “Einaudi e i partiti. Prima della Repubblica dei partiti (1945-1947)”; Sauro Mattarelli su “Le radici risorgimentali dell’europeismo di Einaudi”; Sergio Ceccuzzi su “Il rigore di Einaudi”; Gabriele Giannini su “Lo Stato e la legislazione sociale per Einaudi”; Gianmaria Dalmasso su “Einaudi e la sua terra”; Alberto Mingardi su “Luigi Einaudi lettore di Alessandro Manzoni”; Francesco Forte su “Le vie della libertà, riflessioni sul pensiero di Einaudi”; Stefano Folli su “Einaudi, Kennedy e la libertà” e Antonio Patuelli su “Il mio debito con Luigi Einaudi”.

Libro Aperto è diffuso esclusivamente in abbonamento: per informazioni tel. 0544.35549 anche fax – 0544.36871 – 0544.212649; e-mail redazione@libroaperto.it; sito internet www.libroaperto.it

Più informazioni su