Quantcast

Alberto e Giancarlo Mazzuca presentano il loro libro “Mussolini – Bombacci. Compagni di una vita” per “Capit Incontra”

Più informazioni su

Protagonisti del sesto appuntamento della rassegna letteraria Capit incontra, mercoledì 28 luglio, alle ore 21, saranno Alberto e Giancarlo Mazzuca con il loro libro “Mussolini – Bombacci. Compagni di una vita” Edizioni Minerva. Condurrà l’incontro il giornalista Marco Montruccoli.

Il libro

Gennaio 1921, con la fondazione a Livorno del Partito comunista d’Italia, si consumò definitivamente il divorzio politico tra due romagnoli doc. Se Nicola Bombacci diventò, cent’anni fa, il “Lenin d’Italia”, Benito Mussolini rispose poco dopo (ottobre 1922) con la marcia su Roma che lo proclamò il “duce d’Italia”.

In quel breve lasso di tempo, Nicola (da tutti chiamato Nicolino) e Benito, dopo avere frequentato, a Forlimpopoli, lo stesso istituto magistrale e avere entrambi militato sotto la bandiera del socialismo rivoluzionario, imboccano strade diametralmente opposte. Ma i romagnoli non finiscono mai di sorprendere e, al di là delle divisioni politiche, della passionalità dei loro caratteri, il legame tra i due fu sostenuto da un’amicizia inossidabile che non venne mai meno, come solo in Romagna succede.

Non è quindi un caso che si siano ritrovati assieme a Salò nell’ultima stagione della loro esistenza e finire appesi, a testa in giù, uno vicino all’altro, a Piazzale Loreto. Benito e Nicola: compagni di una vita fino alle loro contemporanee sentenze di morte, ma con una differenza: il primo è nella storia, il secondo è volutamente dimenticato per motivi politici dagli stessi ex compagni del partito che lui contribuì a fondare un secolo fa.

Alberto Mazzuca, giornalista e scrittore. È stato inviato speciale de “Il Giornale” di Indro Montanelli, de “Il Sole 24 Ore”, dell’“Espresso” e de “La Voce. Autore di numerose biografie e pubblicazioni che trattano di società, politica, economia, alcuni dei quali insieme al fratello Giancarlo.

Giancarlo Mazzuca, giornalista e saggista, è stato inviato speciale del “Corriere della Sera”, vicedirettore di Indro Montanelli alla “Voce”, direttore del “QN Il Resto del Carlino” e de “Il Giorno”. Attualmente collabora con “Repubblica” e con “Il Sole 24 Ore”. Ha vinto numerosi premi giornalistici e letterari tra cui, nel 2020, con il fratello Alberto, il “Frontino Montefeltro” per Romagna nostra. Ha scritto numerosi libri tra cui La Resistenza tricolore con Arrigo Petacco e, assieme a Stefano Girotti Zirotti, Noi fratelli, con la prefazione di Papa Francesco.

Organizzazione: Associazione Amici della Capit Aps Ravenna. Collaborazione: Pro Loco Marina di Ravenna – Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna. Patrocini: Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura – Regione Emilia-Romagna.

 

Più informazioni su