Quantcast

Libro Aperto, sta per arrivare il numero 106

Più informazioni su

In uscita il numero 106 della serie nazionale di Libro Aperto, la rivista esclusivamente culturale diretta da Antonio Patuelli ed edita dalla omonima Fondazione senza scopo di lucro e frutto esclusivamente di volontariato. Questo volume, di grande formato, di 276 pagine, si apre con la rubrica “Europa in cammino” con saggi di: Pierluigi Barrotta sul progresso scientifico e sociale; Carlo Vivaldi-Forti sull’esempio di Ludwig Erhard e la sua politica della ricostruzione; Alberto Bucchi sulle energie rinnovabili; Antonio Patuelli su “Oltre la pandemia” e Pierluigi Barrotta sul populismo e le sue conseguenze.

Nella rubrica “Libertà economiche” appaiono saggi di: Pier Franco Quaglieni su “Cristianesimo, pauperismo e proprietà privata”; Claudio Ghigi su “Non era aiuto di Stato” e Domenico Ocone su “Quale modello di sviluppo futuro”. Nella sezione “Le garanzie” vengono pubblicati scritti di: Antonio Pileggi su Einaudi e le buone pratiche da insegnare; Giuseppe de Vergottini sul Costituzionalismo nel pensiero di Nicola Matteucci; Raffaella Gherardi sul ‘liberalismo moderno’ di Matteucci; Saverio di Jorio sui diritti dell’ambiente; Elio Romano Belfiore su diritto penale e democrazia; Francesco Mozzoni su democrazia parlamentare e democrazia di massa e Tito Lucrezio Rizzo sulla piaga del bullismo nel degrado della cultura.

L’ampia rubrica “Il tempo e la storia” pubblica saggi di: Francesco Mauro Iacoviello su “Era un criminale il Divin Poeta? Analisi dei processi contro Dante”; Michele Cassandro su Benedetto Croce e la poetica di Dante cento anni dopo; Andrea Battistuzzi su “Quando le notizie viaggiavano a vela. Storia delle incredibili regate tra i giornali per portare le notizie dal vecchio al nuovo mondo”; Sandro Rogari su “Superare la capitale: Firenze dalla crisi alla rinascita”; Aldo G. Ricci su “20 settembre 1870. L’Italia a Roma, in punta di piedi”; Cosimo Ceccuti su Firenze, 150 anni fa addio alla capitale; Paolo Bagnoli su “Da Firenze a Roma: la regia fiorentina della rivoluzione parlamentare del marzo 1876”; Gian Biagio Furiozzi su Augusto Ciuffelli e il liberalismo nazionale; Giorgio Amadei su Europa 1919; Aldo A. Mola sul centenario del quinto governo Giolitti (1920-1921); Piero Fabbrini su un anniversario dimenticato, la fine dell’Impero; Francesco Forte su “Conoscere per deliberare nella teoria della conoscenza di Luigi Einaudi; Gerardo Nicolosi su Cesare Merzagora; Sandro Rogari sui 75 anni della Repubblica; Aldo A. Mola sulla lezione di Luigi Einaudi e le prerogative del Presidente della Repubblica; Valter Vecellio sulle storie di una Sicilia bellissima e atroce; Luigi Ciaurro sulla riscoperta del caso Bontempelli e Aurelio W. Pellicanò sulla guerra cecena.

Nella sezione “Ricordando” appaiono scritti di: Ernesto Paolozzi su Vincenzo Cuoco; Luca Anselmi su Mario Montorzi; Pier Franco Quaglieni su Renzo De Felice e Giovanni Massobrio su Bruno Massobrio. Nella rubrica “Uomini donne e libri”, vengono pubblicati articoli di: Dario Velo, Giorgio Amadei, Gianni Ravaglia, Massimo Ragazzini, Luca Anselmi, Guido Lenzi, Alessandro Mella, Aldo G. Ricci, Mirco Bianchi, Egisto Pelliconi. Nella sezione “Letture e riletture” appare un saggio di Francesco Margiotta Broglio su “1870 – De Amicis a Porta Pia con la capitale nel ‘Cuore’, tra briganti e colerosi” e uno scritto di Edmondo De Amicis su “Ricordi del 1870-71”.

Libro Aperto è diffuso esclusivamente in abbonamento: per informazioni tel. 0544.35549 anche fax – 0544.36871 – 0544.212649; e-mail redazione@libroaperto.it; sito internet  www.libroaperto.it

Più informazioni su