A Lugo il concerto pop/rock dei grandi classici dell’ensemble “under35” della Filarmonica Toscanini

Più informazioni su

Astenersi tradizionalisti. Sembra questo il consiglio per la serata di mercoledì 8 settembre al Rossini Open, la rassegna estiva promossa dal Teatro Rossini di Lugo: alle 21, nel giardino della settecentesca Villa Malerbi (ingresso in via Emaldi 51), dove il dodicenne Rossini poté studiare coi Fratelli Malerbi, oggi sede della Scuola Musicale, il pubblico potrà assistere al concerto “NEXT FOR VERDI” con La Toscanini Next diretta da Roberto Catino e la partecipazione del cantante Matteo Mazzoli.

Di che si tratta e cosa si nasconde sotto questo strano titolo e questa strana denominazione? La Toscanini Next è un’orchestra formata da musicisti under35, frutto di un percorso di alta formazione che si fonde e si completa con un’attività concertistica professionale. Nata giovane, La Toscanini Next porta la musica nelle piazze, nei luoghi della cultura e della memoria e nelle periferie cittadine per avvicinare il pubblico. In “NEXT FOR VERDI” presenta una carrellata di nuove ed inebrianti rielaborazioni in chiave pop/rock di “hit” dalle opere di Giuseppe Verdi, da Nabucco a Messa da Requiem. Ascolteremo dunque le immortali note verdiane in una nuovissima rielaborazione dello stesso direttore, attraverso la quale anche il gusto moderno potrà accostare più facilmente i sacri testi: da “Quando le sere al placido” dalla Luisa Miller a “Cortigiani vil razza dannata” del Rigoletto, dalle Zingarelle della Traviata agli “Arredi festivi” del Nabucco, per il melomane sarà una specie di serata a quiz per riconoscere e apprezzare in veste nuova le arie e i temi verdiani più famosi. Qualcuno rimarrà forse spiazzato, ma sicuramente vincerà la curiosità e la novità, e soprattutto la grandezza eternamente inattaccabile di Giuseppe Verdi.

Roger Catino, diplomato al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma in timpani e strumenti a percussione, composizione e direzione d’orchestra nella quale si è perfezionato all’Accademia Superiore Pescarese con Donato Renzetti, in seguito affermato ai concorsi internazionali di composizione “Days of percussion” (2004) e “Città di Barletta” (2005), dal ‘96 collabora con i principali enti lirici e sinfonici italiani e con i Percussionisti della RAI e i Percussionisti della Scala. La sua composizione Mikro Songs per violino solista ed ensemble nel 2008 viene eseguita in Sala Petrassi a Roma in occasione del Concorso Europeo di composizione “Musica e Arte’’.

Dal canto suo, il pianista, attore e cantante Matteo Mazzoli, dopo regolari studi al Conservatorio di Parma e Piacenza, dal 1997 lavora come cantante nei generi più vari passando da uno all’altro con estrema naturalezza: repertorio lirico, coro, operetta, musical, pop, rock, contemporanea, la sua bellissima voce si adatta a tutto. Ha fatto parte del cast de La Bella e la Bestia nella recente produzione italiana della Stage Entertainment.

Nello stesso luogo, il confortevole Giardino di Villa Malerbi, il giorno dopo, giovedì 9 settembre, ecco un altro concerto “di confine”: “Se Bach avesse conosciuto il Sax” con l’ensemble Exclusive Saxophone Quartet, formato da Valentina Renesto, Olga Costa, Franca Simonelli, Stefano Angeloni, interpreti nell’occasione di musiche varie da Bach a Piazzolla trascritte per l’affascinante tirmbro del quartetto di saxofoni.

Venerdì 10 settembre alle 21, debutto in città per la quarantenne pianista greca Theodosia Ntokou, uno spumeggiante talento musicale che sta bruciando le tappe del successo internazionale, che ha entusiasmato l’oggi 80enne Martha Argerich (che si definisce ormai sua amica e mentore), con la quale ha di recente inciso un importante CD per la Warner Classics con musiche di Beethoven a quattro mani. L’originale interprete ellenica proporrà pagine di Chopin (Fantasia Improvviso e Andante Spianato e Grande Polacca Brillante op. 22), Beethoven (Sonata op. 31 n. 3 “La tempesta”) e Franz Liszt (Totentanz per piano solo S 126).

lugo rossini

Sabato 11 settembre, sempre nel Chiostro della Collegiata, sarà la volta dell’esecuzione in forma oratoriale dell’opera “Moro per Amore” del grande compositore barocco Alessandro Stradella (1643-1682), con la direzione di Andrea De Carlo, cantanti e orchestra dello Stradella Young Project (con strumenti originali e prassi barocca) in collaborazione con l’Ensemble Mare Nostrum. Tre soprani, due contralti, tenore e basso, due violini e basso continuo, il libretto per l’opera, in 3 atti, è di Flavio Orsini, duca di Bracciano, che commissionò la musica a Stradella quando il compositore, nato a Bologna ma vissuto a Nepi in provincia di Viterbo e successivamente (e in modo alquanto turbolento, fino ad essere ammazzato dai sicari assoldati da un nobiluomo tradito) a Roma e Venezia, si trovava a Genova.

lugo rossini

L’opera narra la storia di Floridoro, principe di Cipro, che travestito come Feraspe, un moro, si fa portare come schiavo in catene alla corte di Eurinda, regina di Sicilia. I due paesi sono in guerra e Cipro intende invadere la Sicilia. Il travestimento consente al principe di introdursi nell’isola per corteggiare Eurinda, la cui meravigliosa bellezza ha conquistato il suo cuore. Di qui il titolo Moro per amore, gioco di parole che significa ‘Un moro per amore’ oppure ‘Io moro per amore’, a seconda del contesto.

Ultima giornata di Rossini Open domenica 12 settembre con doppio appuntamento: alle 11 nel Cortile interno della Rocca Estense con il “Concerto Aperitivo” dei docenti della Scuola di Musica Malerbi. La sera alle 21 nel Giardino di Villa Malerbi, ecco l’arrivo dell’Ensemble di Fiati La Toscanini sul loro leggio ci saranno musiche originali per fiati di Mozart, Nino Rota e Charles Gounod.

lugo rossini

Il costo dei biglietti è di 10 euro (posto unico) e 5 ridotti, tranne per i concerti alla Rocca sforzesca che sono a ingresso libero. Vendita dei biglietti online sul sito www.vivaticket.com, presso la biglietteria del Teatro Rossini, Via Emaldi 47, dal martedì al sabato dalle 10 alle 12, e la sera dello spettacolo ai rispettivi desk dei luoghi di spettacolo.

INFO: 0545 38542, info@teatrorossini.it, www.teatrorossini.it.

 

Più informazioni su