Quantcast

“Fatti non foste a viver da seduti”. A Faenza la mostra dedicata al viaggio dantesco e al recupero

Più informazioni su

Cosa mette in dialogo Dante, con il suo movimentato peregrinare tra Inferno, Purgatorio, Paradiso e un oggetto tanto statico come le sedie? Le stesse sedie su cui a scuola abbiamo studiato la Divina Commedia diventano protagoniste di una installazione che fa combaciare il mondo dantesco al quello del riuso e del recupero. Dall’11 al 27 settembre la Galleria della Molinella di Faenza ospiterà le opere degli otto artisti e collettivi del panorama locale non si sono lasciati intimorire da questa bizzarra connessione e hanno messo a disposizione di questi inusuali supporti la loro creatività ed estetica, ognuno creando un’opera ispirata al tema del viaggio del sommo poeta.

Le sedie scolastiche esposte sono state salvate dal macero e rese delle vere e proprie “tele”. A firmare le sedute sono stati Luca Barberini, Dissenso Cognitivo, CaCO3, Mauro Fragorzi, Duccio Maria Gambi, Daniela Iurato, Davide Salvemini e Agnese Scultz. Il progetto è a cura di Marco Montanari, Silvia Rossetti e Elena Sabattini. Ad accompagnare queste installazioni, alle pareti i quadri del pittore Filippo Maestroni “Organismi dal settimo cerchio, secondo girone: i violenti verso se stessi”, che curerà la visita guidata alle sue opere, il 12 settembre, dalle 16 alle 20.

Il calendario di eventi, oltre alle date di apertura della mostra, è arricchito da incontri dedicati alla figura di Dante a cura dell’associazione culturale Fatti d’Arte: tra questi segnaliamo sabato 11 alle 18.30, in concomitanza all’inaugurazione dello spazio espositivo potrete assistere allo spettacolo teatrale “Dante e i Manfredi”; venerdì 17 settembre alle 18.00 il professore Stefano Drei terrà una conferenza dal titolo “Dante e i faentini”, un tracciato letterario che collega il poeta ai più illustri (ma non per questo moralmente retti) contemporanei romagnoli; lunedì 20 alle 19.00 spettacolo musicale “Divina Rumagna” di Francesco Chiari; giovedì 23 alle 19.45 partirà una visita guidata intitolata “Con la Pro Loco alla luce del tramonto… sulle orme di Dante”; sabato 25 alle 18.30 Agorà Danza Asd – Castel Bolognese si esibirà in una performance dal titolo “Amor tenendo meo core in mano”.

È obbligatorio esibire il green pass. Info e prenotazioni: info@fattidarteassociazione.it

Più informazioni su