Quantcast

Alla Biblioteca Oriani di Ravenna un incontro sul colonialismo italiano di fine Ottocento

Più informazioni su

Continua venerdì 29 ottobre alle ore 17.30, presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “A. Oriani” di Ravenna, la rassegna InContemporanea. La storia si fa in biblioteca. La presentazione dei volumi di Mattia Randi, Faenza coloniale. La città, Francesco Carchidio e l’Africa, e Alberto Fuschini, Faenza e l’oltremare. Storia e dibattito sulle guerre coloniali (White Line 2018, 2019), sarà l’occasione, partendo da una prospettiva regionale, per una riflessione sulle guerre coloniali italiane di fine Ottocento.

Luoghi, vicende, personaggi, come il capitano faentino Francesco Carchidio, caduto in battaglia in Sudan il 17 luglio 1894 (primo ufficiale italiano a riconoscere il figlio avuto da una donna eritrea, quel Michele Carchidio che sarebbe divenuto tenente colonnello del Regio esercito), rappresentazioni e polemiche di una pagina controversa e ancora poco conosciuta della storia d’Italia.

Nel corso dell’incontro, coordinato dal direttore della Biblioteca Oriani Alessandro Luparini, saranno proiettate delle fotografie d’epoca, scattate tra l’Abissina e il Sudan da un ignoto ufficiale italiano. Le immagini, conservate presso il Museo del Risorgimento e dell’Età Contemporanea di Faenza, costituiscono una straordinaria e unica raccolta di scene di vita quotidiana, di attività religiose, commerciali e militari delle genti del posto, oltre a documentare località, città e territori come li videro gli osservatori del tempo.

L’accesso all’iniziativa è riservato ai possessori di certificazione verde (green pass), fatte salve le eccezioni previste dalla normativa vigente. Per l’accesso e la permanenza in sala è obbligatorio l’uso della mascherina.

Più informazioni su