Quantcast

Faenza. Giorno della Memoria, le iniziative della Pro Loco

Nell’ambito delle celebrazioni del “Giorno della Memoria”, la Pro Loco Faenza propone due visite guidate, sabato 22 gennaio alle 15 e domenica 30 gennaio alle 10, alla scoperta dei luoghi-simbolo della persecuzione anti-ebraica che purtroppo ebbe diverse manifestazioni anche a Faenza.

Si inizierà con il mirabile piatto in ceramica, recante numerosi simboli biblici, realizzato nel 1938 da Werner Jacobson, ebreo tedesco 22enne venuto apposta a Faenza per studiare alla Regia Scuola di Ceramica: l’originale venne distrutto dai dirigenti della scuola (probabilmente a tutela dello stesso studente e non prima di averne preso misure, foto e disegni utili per poi ricostruirlo) e quella che vediamo oggi è una fedele copia realizzata dal professor Rino Casadio e prestata nell’occasione alla Pro Loco.

Poi ci si sposterà al Museo Argylls Romagna Group, in via Castellani 25 (ex cantine del monastero dei Celestini) che ha un apposito settore dedicato alla Soah, con reperti e apparati illustrativi.
Passando per i tre luoghi evocativi del centro (l’ex casa del notaio Sciuto che nascose l’intera famiglia De Benedetti, lo studio dentistico del dottor Berger e la pellicceria Matatia) si arriverà al Monastero delle Clarisse, in via della Croce, ove, sopra il meraviglioso giardino interno, si visiterà la saletta-museo con gli effetti personali di Amalia Fleischer conservati fino ad oggi dalle suore. La Fleischer si era rifugiata proprio in questo monastero, ove insegnava lingue, e qui venne arrestata in seguito a delazione per essere poi deportata, nel gennaio 1945, ad Auschwitz ove arrivò probabilmente già morta per gli stenti del viaggio.

Penultima tappa al Tempietto della Memoria, sul lungofiume Amalia Fleischer e al vicino ponte costruito a tempo di record dalla Brigata Ebraica nei primi mesi del 1945 come testimonia la bellissima lapide in marmo-chiave di volta apposta dagli stessi costruttori.
Conclusione alla mostra fotografica, a cura dell’associazione “Fatti d’arte”, nel Bar della Città di via Manfredi.

E’ richiesto un contributo di 3 euro destinato a fini culturali.
Ritrovo alle ore 15, Pro Loco, Voltone Molinella
Prenotazione obbligatoria, posti limitati, green pass rafforzato, uso della mascherina.