Quantcast

Il suono della luce vive a Russi, nella collaborazione di Ravenna Festival con Quick SpA e Quick Lighting Srl

Più informazioni su

Ha un suono la luce? Ravenna Festival lo sta scoprendo insieme a Quick SpA, ormai parte della squadra dei sostenitori della manifestazione, e Quick Lighting Srl, con il quale il Festival sta coltivando anche una progettualità all’incontro fra spettacolo dal vivo e sapienza illuminotecnica. Di questo prezioso dialogo è testimone “Il suono della luce”, l’appuntamento che ha unito ieri sera 18 maggio l’inaugurazione di una nuova mostra fotografica alla presentazione degli eventi estivi del Festival a Palazzo San Giacomo e a una performance musicale.

La nuova bella sede di Quick Lighting a Russi è anche lo spazio espositivo di OLTRELUCE, un progetto di comunicazione e cultura firmato Quick Lighting. OLTRELUCE è un ciclo di appuntamenti che vedono protagonisti arte e luce all’interno del nuovo HQ Quick Lighting. Una visione per esplorare nuovi confini, una promessa di meraviglia e contaminazione tra arte e luce.

Il secondo appuntamento è con “Da Palazzo San Giacomo al mondo” a cura del Ravenna Festival. La selezione di scatti fotografici ripercorre la storia del Festival a Russi a partire dall’Ur-Hamlet dell’Odin Teatret, e quella de Le vie dell’Amicizia, con immagini di Nairobi, Teheran, Atene, Il Cairo… La mostra è visitabile dal 19 Maggio al 30 Giugno 2022, dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.00.

“Il legame con il territorio, l’arte, lo spettacolo e la cultura aziendale sono temi a noi molto cari e siamo felici di poterli far coesistere in un’unica serata – dichiara Chiara Marzucco, AD Quick Lighting e Marketing Manager Quick Spa – Siamo da anni accanto al Ravenna Festival poiché crediamo fortemente che l’imprenditoria debba impegnarsi per supportare le eccellenze del territorio a favore della comunità. Con OLTRELUCE abbiamo tentato di raggiungere una dimensione ulteriore, aggiungendo un contenuto fruibile non solo dal personale che ogni giorno abita la nostra azienda, ma anche da tutta la comunità.”

Ravenna festival Russi
Ravenna festival Russi

Ravenna Festival 2022 a Russi: la notte rap e la notte irlandese

Anche quest’anno la collaborazione fra il Festival e il Comune di Russi rinnova l’incanto per due notti traboccanti di note, grazie al sostegno di Quick Lighting.

Sabato 25 giugno, alle 21.30, su La notte del rap regna la poetica urbana di Claver Gold, il cui hip hop è un sofisticato intreccio di rime in bilico tra passione, improvvisazione (il freestyle della migliore tradizione) e rigore compositivo. In quest’occasione il rapper marchigiano si presenta in un’inedita veste sinfonica: con lui sulla scena ci sarà l’Orchestra Arcangelo Corelli, affidata alla guida di Carmelo Emanuele Patti che cura anche gli arrangiamenti.

Domenica 26 giugno, alle 21.30, La notte irlandese ci trasporta nell’Isola di Smeraldo. Martin Hayes non è solo un grande violinista ma anche la coscienza critica del revival dell’Irish folk degli ultimi quarant’anni. Oltre al suo Trio si esibiranno anche i Birkin Tree, autorevoli esponenti italiani dell’Irish folk che celebrano il quarantennale dell’attività, accompagnati dal violinista Tola Custy e dal cantante e chitarrista Tom Stearn.

“La storia del Festival a San Giacomo nasce più di quindici anni fa – ha ricordato Antonio De Rosa, Sovrintendente di Ravenna Festival – con l’Ur-Hamlet di Eugenio Barba. È stato un colpo di fulmine: da allora è uno dei luoghi di spettacolo più amati dal pubblico, che qui ha ballato sui ritmi della taranta e delle balere, ha applaudito artisti come Seun Kuti, Tony Allen, Capossela, Giovanni Lindo Ferretti, cantato con De Gregori e i Baustelle… Se ci sentiamo ‘a casa’ a Palazzo San Giacomo lo dobbiamo prima di tutto al Comune di Russi, che anno dopo anno ci ha accolto in questo magnifico spazio. Ed è per questo motivo che siamo particolarmente felici che la collaborazione con Quick Lighting continui a crescere proprio attraverso il sostegno ai due eventi in programma a Russi, così alimentando quel circuito virtuoso di energie fra istituzioni, aziende, territorio e spettacolo dal vivo.”

“Ospitiamo nella nostra Città due eccellenze solo apparentemente distanti – ha dichiarato il Sindaco di Russi, Valentina Palli –  da un lato Quick Lighting, da poco atterrata nel nostro panorama economico con enormi aspettative di successo, e dall’altro Ravenna Festival, con una storia di pregevolezza lunga e radicata. Due realtà che trovano modo di incontrarsi in un momento di interscambio culturale che ha come fil rouge il nostro maestoso Palazzo San Giacomo. Il suono della luce, una sinestesia che rappresenta questi nostri tempi in cui siamo spesso chiamati a unire, in un unico disegno, accadimenti fra loro frammentari e discontinui. In questo caos quotidiano cerchiamo le nostre ancore, fra le quali la dignità sociale rappresentata dal lavoro, come avviene in Quick Lighting, e l’ariosità di pensiero che solo la cultura più autentica sa regalarci, come quella promossa dal Festival. Un welfare di comunità che si arricchisce, in questo modo, di spunti e di occasioni preziose.”

Il Quartetto Amouage, nato in seno all’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, ha accompagnato la serata proponendo musiche da film, dal Morricone di Nuovo cinema Paradiso e Mission alle note indimenticabili de Il postino, La vita è bella, La La Land… Due programmi che Sofia Cipriani e Nicola Dho ai violini, Davide Mosca alla viola e Lidia Mosca al violoncello.

Ravenna festival Russi
Ravenna festival Russi

Più informazioni su