Musica e storie all’archivio comunale per rivivere la storia di Cotignola e degli Sforza

Sabato 24 settembre il Comune di Cotignola partecipa alle giornate europee del patrimonio con l’iniziativa «La casa delle carte», una giornata per far conoscere a tutti l’archivio storico, il suo ricco patrimonio e le affascinanti storie che custodisce.

Alle 16, nel giardino di Casa Varoli (corso Sforza 24) gli archivisti Enrico Angiolini e Anna Attiliani dialogano sul tema «L’archivio è una mano che scrive», presentando le storie e i tesori poco conosciuti dell’archivio di Cotignola, dalla nascita della famiglia Sforza al Novecento. A seguire, sarà possibile visitare l’archivio e vedere da vicino alcuni dei volumi e dei documenti più significativi.

Per calarsi nelle atmosfere suggestive ispirate dai documenti più antichi dell’archivio, alle 18.30 nella chiesa del Pio suffragio (corso Sforza 19 A) si svolgerà un concerto di musica dalla fine del Medioevo, un omaggio al condottiero Muzio Attendolo detto «Il Sforza», con canti popolareschi tra Medioevo e Rinascimento, a cura dell’ensemble Centotrecento. I musicisti, specializzati nello studio della musica antica, con flauti, liuti, ciaramelle proporranno un repertorio ispirato alle storie e alle leggende del tempo di Muzio e delle origini della dinastia degli Sforza.

Dalle 17 aperitivo a cura di Cotignola Invita nel giardino di Casa Varoli.

Gli eventi sono a partecipazione gratuita e non serve la prenotazione. Per ulteriori informazioni chiamare lo 0545 908836, maileventi@comune.cotignola.ra.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.