Quantcast

Sul palco del Teatro Socjale di Piangipane il leggendario Johnny O’Neal

Venerdì 22 dicembre, ingresso dalle ore 21, concerto dalle ore 22

Più informazioni su

Venerdì sera il Teatro Socjale di Piangipane suona il jazz dove è nato e quando è nato. Sul palcoscenico il leggendario Johnny O’Neal. Era presente alle famose Jam di New York con i Jazz Messengers di Art Blakey, Ray Brown Milt Jackson, Dizzy Gillespie, Ray Brown, Joe Pass, Kenny Burrell. La malattia lo ha allontanato dalla scena per oltre 20 anni, ma ora è in tour più in forma che mai.

Johnny O’Neal (nato nel 1956 a Detroit, Michigan) è un pianista e cantante di jazz neo-bop americano. La sua musica varia da una tecnica virtuosa alle più tenui interpretazioni di ballata.
 
Una vicenda, quella del pianista Johnny O’Neal, che ricorda quella dei molti jazz men usciti repentinamente di scena e in qualche caso riscoperti in età avanzata. Gran parte del merito va a Spike Wilner, il proprietario dello Smalls di New York, che ha più volte ospitato il pianista nel suo club, facendogli anche incidere un cd nel 2013.

O’Neal ebbe un momento di notorietà nei primi anni ottanta, quando operava a New York collaborando con Clark Terry, i Jazz Messengers di Art Blakey, Ray Brown Milt Jackson, Dizzy Gillespie, Ray Brown, Nancy Wilson, Joe Pass, Kenny Burrell e suonando regolarmente al Blue Note. Lasciata la metropoli nel 1986, ha trascorso i decenni seguenti ad Atlanta, St. Louis e Detroit in condizioni sempre più precarie, aggravate dall’aver contratto l’HIV nel 1998.
 
Quando la sua esistenza sembrava ormai senza sbocchi (aveva anche perso l’assicurazione sanitaria), un gruppo di benefattori l’ha aiutato a ristabilirsi. Tornato a suonare a New York, il pianista ha scoperto che il pubblico apprezzava anche il suo stile vocale e ha iniziato così a cantare accompagnandosi.

Somiglianze nello stile ai pianisti come Art Tatum e Oscar Peterson e al linguaggio bop della tradizione d’anteguerra. In questo trio (dove dà spazio alla vocalità polverosa, dalla bella tensione bluesy), si muove con eleganza, evidenziando l’abilità di un consumato entertainer, ma anche un raffinato gusto armonico, una fluidità melodica e una tensione ritmica.
 
Naturalmente cappelletti nell’intervallo, come da tradizione.
Ingresso riservato soci Arci.
Info e prevendita: www.teatrosocjale.it
www.facebook.com/teatrosocjale
Tel. 3276719681
 

Più informazioni su