Ravenna Festival. Dylan e Byron rivisitati da Giovani Artisti per Dante e Vespri a San Vitale

Più informazioni su

Le due rassegne del Ravenna Festival, Giovani Artisti per Dante e Vespri a San Vitale, fanno visita ai poeti. Dal 12 al 14 luglio, alle 11, ai Chiostri Francescani è in programma Bob Dylan in Hell della Malafesta Theatre Company mentre venerdì 12 luglio, alle 19, al Refettorio del Museo Nazionale è la volta di Salotto Byron con il RaRe Duo.

Bob Dylan in Hell è l’ultimo degli spettacoli in omaggio al Poeta di quest’anno (Giovani Artisti per Dante), mentre Vespri a San Vitale, oggi si sposta dalla Basilica di San Vitale al Refettorio del Museo Nazionale per un appuntamento unico. Lo spettacolo del mattino, firmato dalla Malafesta Theatre Company, intreccia Dante e il cantautore americano, geograficamente e cronologicamente lontanissimi eppure inaspettatamente vicini. Il concerto della sera, invece, è un omaggio al poeta inglese che arrivò a Ravenna esattamente due secoli fa: il RaRe Duo – il mezzosoprano Valentina Vanini e il pianista Marco Santià – propone un itinerario di brani di Satie, Ravel, Brahms, Wolf, Schumann, scandito dalle letture dei testi di Byron.

Cosa c’entra Bob Dylan con il nostro più grande poeta? L’album Blood on the Tracks, uscito nel 1975, è segnato dalle lacerazioni di anime dannate, luoghi desolati, peccati mortali, ma comprende anche – nella canzone Tangled Up in Blue – una menzione di Dante, del quale ogni parola “suona vera e risplende come carboni ardenti”. E Dante è moderno quanto Dylan, Dylan profondo quanto Dante. Basato sull’omonimo libro di Luca Grossi, Bob Dylan in Hell è un viaggio nell’Inferno attraverso le canzoni del cantautore americano vincitore del premio Nobel e con la guida della Malafesta Theatre Company. La compagnia è nata a Rimini nel 2002 e ha debuttato con lo spettacolo Criminali nati di Giulio Serafini; questo è invece il primo spettacolo a firma di Grossi, che ha incluso nel progetto anche, Enrico Gardini (chitarra e voce), Gianluca Morelli (piano e programmazioni) e Vinx Lamarmora.

Per un giorno i Vespri si spostano dalla Basilica al Refettorio di San Vitale, parte dello stesso complesso monumentale ma anche del percorso del Museo Nazionale. Il Refettorio diventa Salotto Byron, per un tributo al poeta inglese che giunse in città nel 1819 e vi rimase fino al 1821. Il mezzosoprano Valentina Vanini e il pianista Marco Santià, che insieme costituiscono il RaRe Duo, alterneranno alle pagine musicali testi di Byron, dall’appassionata lettera alla ravennate Teresa Guiccioli alla poesia Le isole di Grecia, testimonianza del legame con quella terra dove Byron avrebbe concluso la propria folgorante parabola poetica e umana. La Grecia fa capolino nelle Gymnopédies di Satie e nelle Cinq mélodies populaires grecques di Ravel, così come negli omaggi ai poeti Saffo e Anacreonte rispettivamente di Brahms e Wolf. Altro lied di Wolf, Sonne der Schlummerlosen è basato sul byroniano Sun of the Sleepless, che ritorna anche nell’An den Mond di Schumann.

Vespri a San Vitale si concluderanno con i due concerti del 13 e 14 luglio, quando l’Emblema Ensemble proporrà un programma di Vivaldi, Pergolesi e Galuppi dal titolo Laudate dominum in chordis.

1 euro il biglietto dello spettacolo (la durata è di circa 40 minuti) / Info e prevendite: tel. 0544 249244 – www.ravennafestival.org

 

Più informazioni su