A Ravenna una manifestazione artistica sul 50° dallo sbarco sulla Luna con il giornalista Stefano Cavina

Dal 19 luglio al 21 è in programma a palazzo Rasponi dalle Teste – via Luca Longhi 8, P.zza Kennedy  la manifestazione artistica “Ravenna, Dante e la Luna” curata dal giornalista e scrittore, premio Vega 2019 con Apollo La sfida alla Luna, Stefano Cavina, organizzata in occasione del cinquantesimo anniversario del primo sbarco dell’Uomo sulla Luna, in collaborazione con le Associazioni AIR, Dis-Ordine e con il Patrocinio dell’Assessorato al Turismo di Ravenna.

Il 21 luglio 1969, Apollo-11 realizzò la più grandiosa esplorazione del XX quando, per la prima volta il genere umano visitò un “altro mondo”. Quel primo passo fu un momento stupefacente per l’umanità e sarà ricordato nei secoli a venire poiché il sogno millenario di raggiungere la Luna si era avverato. Oggi, a cinquanta anni da quell’epica impresa, grazie ai nostri emissari robotici siamo arrivati a esplorare i confini più remoti del sistema solare, ma osserviamo lo spazio con occhi artificiali, infatti, nessun umano dal 1972 si è più allontanato dall’orbita bassa della Terra. Questa inattività però sta per cessare.

Grazie al rapido progresso delle tecnologie, all’ingresso nel “club spaziale” di privati e industrie, e al conseguente esordio di nuovi mezzi di trasporto, in grado di abbassare sensibilmente i costi di gestione, l’atteggiamento di molte nazioni verso l’esplorazione umana dello Spazio profondo è cambiato. Oggi possiamo guardare a un futuro ormai prossimo, dove lo Spazio sarà accessibile a tutti, aprendo allo sfruttamento delle risorse minerarie lunari e all’esplorazione di Marte. Luna e sistema solare quindi luoghi di commercio, esplorazione e scienza, ma è rimasto qualcosa allo spirito e alla fantasia?

Quando Armstrong scese sulla luna il 21 luglio 1969, parve trasformare il nostro satellite in un freddo astro violato, ma proprio come predisse Ungaretti, in una celebre intervista dell’epoca, la luna non cambiò al cuore dei poeti e, ancora oggi è la Musa ispiratrice di artisti e creativi, ed è proprio in quest’ambito che a Palazzo Rasponi dalle Teste, in piazza Kennedy, si svolgerà un evento artistico e culturale a tema: Ravenna, Dante e la Luna,  la luce della Luna su una Città d’Arte, legata al grande Poeta.

L’evento, aperto liberamente al pubblico, offre ai visitatori incontri culturali e l’esposizione di opere il cui tema, come riporta il titolo della manifestazione, s’ispira a Dante e la Luna. I dipinti parteciperanno al quarto “4° Airbrush Talent Show”, concorso nazionale organizzato dall’associazione Aerografisti Italiani Riuniti (AIR), che ha l’intento di far conoscere l’aerografia promuovendo l’attività degli aerografisti Italiani e la loro valenza artistica. I vincitori del concorso saranno giudicati da una giuria qualificata e i vincitori rivelati domenica 21 luglio.

Gli incontri culturali, brevi conferenze della durata di trenta minuti, avranno al centro l’arte, la cultura, Dante e l’esplorazione spaziale. Si inizia il 19 luglio, alle ore 19:00, con la conferenza: Il Mosaico Ravennate. Storia, Materiali e Tecnica. Relatori i proff. Marcello Landi, Saturno Carnoli.

Seguirà, alle ore 20:00: Il Mosaico Spaziale di Praga. Relatori: Stefano Cavina, Andrea Ballardini, Silvia Colizzi. Il giorno 20 luglio, alle ore 19:00: Dante e la Luna. Relatore Ivan Simonini e alle ore 20:00: Quel Giorno Sulla Luna, conduce il premio VEGA 2019 per la letteratura aeronautica e astronautica Stefano Cavina.

Infine domenica 21 luglio, alle ore 19:00 l’artista e scrittore Mario Romani parlerà di Aerografia, Storia, Materiali e Tecniche. Infine alle ore 20:00 l’evento avrà ospite l’artista internazionale Renato Casaro che con più di duemila manifesti ha raccontato in arte il cinema di Hollywood e non solo.

Oltre agli incontri culturali, nei tre giorni della manifestazione si potrà assistere alla realizzazione di opere di aerografia dal “vivo”, seguire laboratori estemporanei di areografia e mosaico, quest’ultimo a cura dell’associazione Dis-Ordine che oltre a mettere in mostra alcuni dei “triangoli” destinati al Labirinto di Port’Aurea presenterà al pubblico il mosaico di Andrea Louis Ballardini per il progetto Dis-Ordine a Port’Aurea.

L’evento è anche occasione per ammirare la mostra storica di aerografi e libri d’epoca, e un percorso didattico che riassume la storia dell’aerografia.

“Ravenna, Dante e la Luna” è la seconda delle tre celebrazioni nazionali che Ravenna dedica al cinquantenario dello sbarco del primo uomo sulla Luna, curate dal premio letterario “VEGA 2019” Stefano Cavina. Fa seguito alla mostra La Grande Avventura, inaugurata a Ravenna il 6 aprile alla presenza del Console degli Stati Uniti e precede la Bowienext moon night che si terrà il 18 ottobre al Mariani Lifestyle, con una serata spettacolo condotta coralmente da Rita Rocca, giornalista RaiRadio3 e Stefano Cavina, dedicata alla musica di David Bowie con la proiezione del film Bowienext Nascita di una Galassia di cui Rita Rocca è regista. Bowienext rappresenta più di un semplice documentario, è di fatto un film testimonianza che raccoglie interviste e video tributi artistici da tutto il mondo, il primo nel suo genere dedicato a una popstar. Una serata interamente dedicata agli appassionati della Luna e per chi ha David Bowie nel cuore. Un viaggio nel passato proiettato nel futuro, che parte nel 1969 quando la BBC decise di fare della canzone Space Oddity la colonna sonora della spedizione Apollo-11.

 

Programma del 19, 20 e 21 luglio 

 19 LUGLIO

18:30 – Inaugurazione: “Trivia ride tra le ninfe eterne”

Performance ginnaste dell’Edera Ritmica, a cura di Sara Tiene e Camilla Casadio.

 

19:00 – Il mosaico ravennate: Storia, Materiali e Tecnica

Relatori: Marcello Landi, Saturno Carnoli.


20:00 – Il Mosaico Spaziale di Praga

Relatori: Stefano Cavina, Andrea Ballardini, Silvia Colizzi.


20 LUGLIO

19:00 – Dante e la Luna

Relatore: Ivan Simonini.


20:00 – Quel Giorno Sulla Luna

Relatore: Stefano Cavina.


21 LUGLIO

17:30Premiazione alla migliore Aerografia e presentazione del mosaico di Andrea Louis Ballardini per il progetto “Dis-Ordine a Port’Aurea”.


19:00 – L’aerografia, Storia, Materiali e Tecniche

Relatore: Mario Romani.

20:00 – Renato Casaro, l’Arte di Dipingere il Cinema

Intervista all’artista Renato Casaro, conduce Stefano Cavina.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianni

    Come mai in quegli anni, con mezzi rudimentali e tecnologia vetusta l’uomo sbarcava sulla luna? Mentre, adesso, con la tecnologia moderna che renderebbe tutto piu’ facile non mette piu’ piede sulla luna?

  2. Scritto da Demo

    Gianni, basti pensare che, oltre agli altri problemi, per andare sulla Luna occorre attraversare le fasce di Van Allen che emettono radiazioni pericolosissime.
    Lo stesso astronauta Terry Virts, nel 2015, ebbe a dire che per ora non siamo in grado di andare oltre l’orbita terrestre, proprio a causa di queste radiazioni.
    Io una idea, su questi sbarchi sulla Luna, me la sono fatta ben precisa.