Trasferire caravan giostrai alle Bassette. Confesercenti Ravenna: “Area non attrezzata, Comune trovi un’altra soluzione”

Anche Confesercenti Ravenna concorda con le conclusioni esposte nella recente nota stampa dalle Associazioni degli Artigiani: “l’area delle Bassette, come qualsiasi altra area produttiva, non è idonea – spiega Confesercenti – ad ospitare dei nuclei familiari, si rischia una ghettizzazione controproducente. Ribadiamo innanzitutto, perché sovente si fa confusione, che i giostrai non sono nomadi, ma piccoli imprenditori che per la natura della loro attività si spostano al seguito delle loro attrazioni, spesso in ambiti limitati alla Romagna e con le stesse turnazioni nell’arco dell’anno. Vivono e lavorano nel territorio, hanno le stesse esigenze sociali di qualsiasi persona.”

“È onere del Comune – prosegue – trovare un’area dove caravan ed attrazioni possano sostare, con i relativi sottoservizi come erogazione elettrica, accesso alla fognatura, allaccio idrico. Questo non significa che il Comune debba farsi carico di queste utenze, ma che debba creare le condizioni perché questi allacci, a carico degli operatori, possano avere luogo. La sosta in via Medulino è problematica perché l’area è inadatta: non è attrezzata, non c’è un controllo degli accessi che distingua fra operatori autorizzati e non autorizzati.”

“A questo punto, riteniamo opportuno che il Comune convochi un tavolo dedicato, insieme alle Associazioni di Categoria, per una discussione pragmatica che tenga conto di tutte le esigenze in campo, evitando qualsiasi “fuga in avanti” che sarebbe, col tempo, estremamente dannosa per tutti” conclude Confesercenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giancarlo

    La soluzione mi sembra talmente ovvia che non capisco chi non riesce a trovarla. Predisporre un’area vicina anche a scuole per i ragazzi , poi procedere con l’istituzione di contatori per i consumi di corrente ,acqua,scarico e fare pagare i consumi. Così da non gravare sulla comunità che paga le tasse.Più semplice di così si muore.

  2. Scritto da Luciano

    E se smettismo con questa insana passione per giostre, calcinculo, autoscontro, tiro a segno, casa degli specchi ?!?! basta luna park siamo nel 2019 ancora dietro a queste stupidaggine da fine ottocento ?!?!?!

    Così non avremo più il problema dei giostrai eh !