Quantcast

Grido d’allarme del ROCA: l’associazione Ravennate dell’oil&gas chiede di sbloccare “il famigerato Art. 11 Ter” No Triv

Più informazioni su

Con una nota il ROCA Ravenna Offshore Contractors Association esprime preoccupazione per il perdurare della crisi del settore (in 20 anni sono stati persi 7.000 posti di lavoro a Ravenna). E soprattutto chiede al Governo che si è appena formato di sbloccare “il famigerato Art. 11 Ter” che è di ostacolo allo sviluppo di tutto il settore oil & gas in Italia, costretto perciò ad emigrare all’estero. La preoccupazione maggiore di ROCA è per le posizioni espresse dai Ministri Cinque Stelle Costa e Di Maio.

“Purtroppo, le aziende ROCA operano quasi esclusivamente all’estero e ciò significa che lentamente perdono personale e tutto il valore tecnologico italiano, in quanto le commesse estere richiedono sempre di più maestranze locali. Il settore negli anni ’90 occupava solo a Ravenna oltre 10.000 persone. Attualmente le aziende ROCA hanno meno di 3.000 occupati che come detto operano quasi esclusivamente per commesse estere. – scrive il ROCA nella nota –  Negli ultimi anni 5 aziende hanno chiuso o sono entrate in procedura concorsuale liquidatoria. È stata una lenta ed inesorabile crisi, che colpisce la città di Ravenna. Anche il distretto ENI di Ravenna sarà a rischio chiusura se le centrali non avranno gas. Come pure OMC non avrà più ragione di svolgersi in una nazione che non ha attività.”

“Noi abbiamo in Italia ancora riserve di gas metano che se sfruttate potrebbero dare lavoro alle aziende italiane, diminuendo le importazione dall’estero. Diversi progetti sono in attesa di avere il nulla osta dal MISE, che potrebbero creare subito nuovi posti di lavoro. Per esempio ENI ha pronto lo sviluppo del campo di “Bianca Luisella”. – continua ROCA – È un progetto che prevede 180 milioni d’investimento e creerebbe almeno 5.300 posti lavoro. Sbloccando anche solo questo progetto si avrebbero 350.000 giornate lavorative. Sono numeri importanti che dovrebbero stimolare la crescita e la ripresa del lavoro.  Molte grandi compagnie petrolifere sono pronte ad investire in Italia come Eni, Shell, Total, Edison, e molte altre minori come le americane Global Med, Delta e AleAnna, le britanniche Rockhopper, Nothern Petroleum e Sound Energy con la sussidiaria Appennine e l’australiana Po Valley legata a Saffron Energy e tante altre. È necessario sbloccare a breve questa stagnazione per richiamare investimenti fonte di crescita ed nuovi posti di lavoro.”

“L’Italia avrà bisogno di gas metano per almeno 50 anni, come dai piani del MISE. È assurdo che lo importiamo, spendendo e inquinando di più, quando abbiamo ancora riserve disponibili. – insiste il ROCA – Purtroppo i nostri politici utilizzano lo slogan NO TRIV per avere i voti da chi si vuole fare credere che non perforando in Adriatico passeremo ad energie alternative a quelle fossili. È una grande presa in giro agli Italiani. Non perforando in Italia semplicemente importeremo il gas dall’estero. Pagandolo di più, inquinando di più e togliendo lavoro alle aziende italiane. ROCA ritiene che una ripresa urgente delle attività nell’offshore italiano, ed in particolare nell’offshore Adriatico, sia indispensabile per non perdere le tecnologie acquisite in tanti anni. Tecnologie che serviranno poi per sviluppare la produzione di energie rinnovabili.”

“In altre nazioni, in primis in Danimarca e Norvegia, lo stato stimola gli investimenti nell’oil and gas per dare lavoro a quelle aziende che contribuiranno allo sviluppo dei prossimi progetti per le energie rinnovabili. Come noto la Norvegia ha una grande vocazione per le energie rinnovabili ma spinge anche gli investimenti nella ricerca di idrocarburi fossili, soprattutto gas metano che è ritenuta la risorsa più idonea alla transizione. Gli imprenditori ravennati del settore sono molto preoccupati e soprattutto scoraggiati per le affermazioni di alcuni esponenti del Governo. – conclude ROCA – Preoccupa un Ministro dell’ambiente che a priori afferma che non firmerà mai autorizzazioni per nuovi pozzi. Preoccupano le affermazioni di Di Maio che impedirà le attività di estrazione soprattutto nell’offshore. ROCA si è sempre battuta per informare l’opinione pubblica, gli amministratori ed i politici sull’importanza della produzione del Gas a Km 0. Lo scorso marzo abbiamo portato a Ravenna il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per fare sbloccare il famigerato Art. 11 Ter. Purtroppo non abbiamo avuto l’aspettato risultato per le sopravvenute crisi di governo. ROCA sicuramente continuerà la sua attività per sbloccare il fermo delle attività offshore. Continuerà a collaborare con i politici delle amministrazioni locali che sono sempre stati sensibili al problema.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanna

    C’è solo da aggiungere che i nostri politici così facendo sperano che il greggio rimanga nei fondali mentre invece ce lo “succhiano” con mezzi più o meno leciti i nostri “vicini”. Se ci si svegliasse invece di continuare a litigare ci sarebbero meno giovani senza lavoro e la nostra economia sarebbe più florida ma… il buon senso pratico….

  2. Scritto da Aldo

    Il ministro dell’ambiente è sempre quello il partito contrario è sempre quello e il PD pur di governare non ostacolerà.

  3. Scritto da Giuliana

    Mi auguro che il nuovo governo sia piu`lungimirante del precedente> Se non sfruttiamo noi le risorse dell`Adriatico le sfrutteranno la Croazia e altri interessati e a noi resteranno sempre e solo i danni> giulia49