Quantcast

Chiusura dell’inceneritore di Ravenna: Hera apre la procedura di mobilità per 29 lavoratori

In vista della chiusura dell’inceneritore per rifiuti urbani di Ravenna, che avverrà il prossimo 31 dicembre, il Gruppo Hera ha deciso di aprire la procedura di mobilità (percorso che porta al licenziamento) per 27 lavoratori e 2 lavoratrici ad oggi impegnati per il funzionamento dell’impianto sito in via Romea Nord. Lo riporta una nota di Cgil, Cisl e Uil.

Secondo i sindacati, sono i “primi tangibili effetti della fermata definitiva del sito industriale annunciata dal presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini e confermata dal sindaco di Ravenna Michele de Pascale lo scorso luglio. La procedura di mobilità prevede che, in mancanza di un accordo sul ricollocamento dei lavoratori in esubero, gli stessi possano essere licenziati. Se per i lavoratori del Gruppo Hera si prospetta una difficile trattativa sul loro ricollocamento, altri 30 lavoratori dell’indotto (trasportatori, meccanici manutentori, addetti alle pulizie industriali) dovranno anch’essi trovare una nuova occupazione in altre attività produttive.”

“L’inceneritore per rifiuti urbani di Ravenna ha garantito negli ultimi venti anni il corretto trattamento dei rifiuti indifferenziati raccolti nel territorio provinciale di Ravenna, nonché lo smaltimento dei residui di lavorazione dei rifiuti differenziati raccolti nel medesimo territorio. Da gennaio 2020 Ravenna dovrà contare sulla disponibilità degli impianti di trattamento rifiuti dei territori vicini per continuare a gestire in modo ordinato i suoi rifiuti, in attesa che il progresso della raccolta differenziata prevista dai piani regionali minimizzi il quantitativo complessivo dei rifiuti prodotti sul territorio provinciale” prosegue la nota di Fp Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che esprimono, in modo unitario, una grande preoccupazione per il destino di tutte le lavoratrici e i lavoratori coinvolti nella chiusura dell’impianto.

I sindacati chiedono ad Hera di “non attivare le procedure di mobilità e di attivare immediatamente un tavolo di confronto con i sindacati di categoria per vagliare tutte le soluzioni che possano scongiurare la perdita di oltre 60 posti di lavoro. Chiediamo inoltre a Regione e Comune, essendo direttamente parti in causa, di farsi portatori di progetti e investimenti su discarica, impianto F3 e impianti oggi esistenti nel territorio, in grado di salvaguardare il saldo occupazionale ricollocando le maestranze complessivamente coinvolte.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da g

    E cosi’ i rifiuti andranno in altri comuni, ovviamente su camion,aumentando l’inquinamento.Naturalmente tutto cio’ avra’ un costo…Indovinate chi paghera’.

  2. Scritto da agi62

    Non ho capito, prima chiudono l’inceneritore poi sperano che la raccolta differenziata abbassi il numero dei rifiuti indifferenziati?
    Non andrebbe fatto il contrario?

  3. Scritto da io no

    Chiudete l inceneritore di Ravenna e aprite il termovalorizzatore a Russi ??? Bruciando
    cippato di legna ???? Bella politica ambientale, non e’ meglio rimanere al metano che e’ piu pulito di legna e rifiuti???? cosa innovate se poi fate respirare ai vostri figli legna bruciata con tutti i suoi problemi???

  4. Scritto da albi

    Come sempre per essere sempre piu’ “verdi” andremo a pagare di piu’ noi cittadini.

    30 persone a spasso e l’indotto che salta.

    Ottimo