Plastic tax. Alleanza delle Cooperative E-R: “servono incentivi e non sanzioni”

Più informazioni su

“La produzione e l’utilizzo delle plastiche monouso vanno limitati quanto più possibile, non c’è dubbio, ma è un percorso che va fatto con ragionevolezza. La tassa sulla plastica va nella direzione opposta a quella dichiarata, sottraendo alle aziende le risorse da investire in innovazione di processo e di prodotto”: lo affermano Massimo Mota, Giovanni Monti, Francesco Milza, rispettivamente presidente e co-presidenti di Alleanza delle Cooperative dell’Emilia-Romagna.
“La direttiva europea che mette al bando alcune tipologie di prodotti – proseguono – si attua a partire dal 2021. È evidente che una tassa oggi toglierebbe risorse per investire in innovazione a molte aziende, anche quelle che utilizzano materiali plastici per svariati usi, che arriverebbero al 2021 con la prospettiva di dovere chiudere. Se si vuole una effettiva transizione ecologica le politiche da attuare sono altre: stimolare e premiare l’innovazione; investire di più nella filiera della raccolta, dello smaltimento e del riciclo; stimolare la ricerca di materiali che, in prospettiva e dove possibile, possano sostituire le plastiche”.
“Registriamo che nel Governo è in atto una riflessione – concludono Mota, Monti, Milza – che potrebbe portare, anche grazie al confronto con imprese e rappresentanze dei lavoratori, a correttivi. Ci auguriamo che prevalga il buonsenso e che si avvii un percorso fatto di incentivi e non di sanzioni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stufo

    Se si mette una green tax per esempio sulla plastica non e’ corretto mettere i proventi nelle casse dello stato che piangono. I proventi vanno usati per scopi green. questo mette insieme un sistema virtuoso, che si autoalimenta. per esempio le bottiglie dell acqua che si usano a casa possono essere da 2 litri con il suo distributore che te la raffreddsa o riscalda(volendo) questo sistema deve essere aiutato perche l acqua va consegnata il vuoto viene riutilizzato dopo essere stato lavato e disinfettato…. ma il governo e’ piu che altro un esattore senza regole e senza scrupoli si cerca solo di coprire i buchi di budget……..Bravi