Poste Italiane: boom del commercio online, la consegna dei pacchi a Ravenna segna un + 23,6%

Si fa presto a parlare di crisi del commercio tradizionale e dei centri storici buttando la croce addosso a un partito o all’altro, oppure dicendo che è tutta colpa dei centri commerciali. E poi scopri che a Ravenna il commercio online segna un più 23% nei primi nove mesi del 2019 sull’anno precedente. E allora molte cose si chiariscono. Ce lo dice un dato diffuso da Poste Italiane che conferma il proprio ruolo di primo piano nel mercato dell’e-commerce, facendo registrare in provincia di Ravenna, appunto, un incremento nella consegna dei pacchi nei primi 9 mesi del 2019 del 23.6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e contribuendo in maniera significativa all’incremento registrato a livello nazionale del 32% delle consegne, dato che conferma come più di un pacco su tre in Italia venga consegnato da Poste Italiane.

Il segreto di tale successo dice Poste Italiane deriva dalla capillarità e dall’efficienza della rete distributiva dell’azienda, che conta su circa 27 mila portalettere e oltre 1.800 centri di distribuzione, di cui 5 presenti nel territorio provinciale (Ravenna Meucci, Faenza, Lugo, Bagnacavallo e Cervia). Proprio per far fronte alle nuove esigenze del mercato, Poste Italiane ha avviato una strategia di crescita nella logistica legata agli acquisti online attraverso investimenti tecnologici, alleanze con partner strategici e l’attivazione di servizi sempre più vicini alle esigenze dei cittadini che effettuano acquisti on line e delle imprese attive nella vendita di prodotti su Internet.

L’evoluzione di questa strategia ha portato anche all’introduzione del Joint Delivery Model, il nuovo modello di recapito con consegna pomeridiana fino alle 19,45 e durante i weekend, e alla nascita di “Punto Poste”, la rete di Poste Italiane per il ritiro degli acquisti online e la consegna di resi che ad oggi ha raggiunto i 4.000 punti di consegna tra tabaccai ed altri esercizi affiliati, oltre che 350 locker ed è destinata ad espandersi e ad integrare la più grande rete distributiva d’Italia, formata da circa 13.000 Uffici Postali con servizio di Fermoposta.