“Responsabilità sociale”: il 16 gennaio incontro delle imprese delle Camere di commercio di Ravenna e Ferrara

Continua il progetto comune di Regione Emilia Romagna e Camere di commercio di Ravenna e Ferrara per lo Sviluppo sostenibile, nato dalla collaborazione con i Comuni di Ravenna e Ferrara e con le associazioni imprenditoriali delle due province per consolidare e sviluppare la consapevolezza fra le imprese sui temi e sulle azioni della responsabilità sociale e dell’Agenda 2030, nata come strategia di riferimento per realizzare un necessario modello di sviluppo sostenibile. I risultati conseguiti con questo progetto, giunto alla terza annualità, verranno presentati con un particolare evento “che vuole testimoniare – si legge nella nota della Camera di commercio di Ravenna – l’impegno delle imprese più dinamiche sul fronte della sostenibilità che si sono mobilitate per realizzare un futuro di crescita, sviluppo e inclusione.”

L’appuntamento è giovedì 16 gennaio dalle ore 9,30, presso la Sala dei Comuni del Castello estense di Ferrara con il convegno “Per una nuova conciliazione tra economia circolare, benessere delle persone e tutela dell’ambiente”. Dopo i saluti del Presidente della Camera di Commercio di Ravenna Giorgio Guberti e del Presidente della Camera di commercio di Ferrara Paolo Govoni, introdurrà i lavori Cristiano Bendin Capo Redattore de “Il Resto del Carlino – Ferrara”. Seguiranno gli interventi di Ermete Realacci Presidente della Fondazione Symbola, Roberto Ricci Mingani, Servizio Qualificazione per le imprese Regione Emilia Romagna, e le testimonianze degli imprenditori ferraresi e ravennati protagonisti nei progetti di turismo inclusivo, accessibile e mobilità sostenibile, chiuderà i lavori Donato Speroni del Segretariato dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

“Dobbiamo far conoscere i tanti esempi di imprese che sono radicate nella comunità e nel territorio e contribuiscono fattivamente allo sviluppo sostenibile e ancora di più trovare gli strumenti perchè le aziende più all’avanguardia, nel contribuire all’Agenda 2030, accompagnino quelle che sono ancora all’inizio del percorso. – sottolinea Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio di Ferrara – Dobbiamo lavorare nelle filiere di cui fanno parte migliaia di aziende, spesso di piccole dimensioni, perché da lì può arrivare un contributo straordinario per spingere i temi che sono in cima all’agenda della sostenibilità.  E dobbiamo impegnarci – conclude Govoni – perché la sostenibilità diventi il linguaggio comune con cui l’impresa parla ai propri clienti, ai fornitori, ai dipendenti, a tutti i suoi stakeholder “.

“Il legame con la comunità e con il territorio – aggiunge la Camera di commercio – trova rappresentanza in tutte quelle realtà che fanno della relazionalità uno dei driver del proprio fare impresa: aziende che per questo possono definirsi ‘coesive’, perché proprio dalle relazioni che tessono con gli altri soggetti, contribuiscono a costruire e ad alimentare congiuntamente coesione sociale e competitività.”

“Quello della Sostenibilità è il modello di territorio e di impresa più autentico, quello che trova risorse insospettabili nei momenti più difficili, quello che sa conciliare tradizione e innovazione, valorizzando con successo le proprie diversità sotto un unico slogan: “essere uniti nell’andare insieme” – sintetizza Giorgio Guberti Presidente della Camera di commercio di Ravenna – E sono soprattutto le piccole imprese, quelle più intimamente legate al territorio, che esprimono un forte contenuto sociale, strettamente connesso alla qualità della vita. La loro attività non si limita a produrre beni e servizi economici, ma genera anche capitale sociale, fiducia, rapporti interpersonali, solidarietà”.

La partecipazione al convegno è gratuita previo registrazione sul sito www.fe.camcom.it. Per ulteriori informazioni Servizio Qualità, Comunicazione e Progetti speciali Camera di Commercio Ferrara tel. 0532 783802 – urp@fe.camcom.it