Percezione dell’Italia turistica. Croatti (M5S): “Ravenna alta in classifica”

Più informazioni su

Il Senatore del MoVimento 5 Stelle Marco Croatti commenta lo studio di Sociometrica ed Expert System sulla percezione dell’Italia turistica, “che ha analizzato dal punto di vista semantico 135mila recensioni in lingua inglese, postate nel più famoso sito di viaggi al mondo è estremamente interessante per il nostro territorio e per il futuro della nostra offerta turistica. Lo studio parte dalle 35 destinazioni turistiche italiane in cui, secondo dati ISTAT, si è registrato il maggior numero di arrivi turistici tra gennaio e novembre 2019. Da li, attraverso l’intelligenza artificiale sono stati estratti gli elementi di cui gli utenti parlano e la relativa valutazione. Il ranking che viene fuori vede l’assoluto primato della Riviera Romagnola con ben 5 località tra le prime 8. Un motivo di orgoglio per il nostro territorio che deve puntare a fare squadra con l’entroterra, che con la sua vasta offerta culturale e paesaggistica nonché gli eccellenti prodotti enogastronomici, potrebbe garantire un aumento dell’offerta, attualmente legata alla stagione balneare, come confermato anche dal report”.

“Molto interessante anche la posizione che occupa Ravenna nella classifica, che si piazza come seconda città d’arte dopo Firenze, in cui il turista viene colpito dall’inattesa straordinarietà del patrimonio culturale ma anche dal senso di pace e di calma che la città trasmette. Due magnifiche località del sud sono presenti nella classifica: Sorrento e Ischia. I turisti apprezzano molto l’approccio amichevole e accogliente che si riflette nella qualità dei servizi offerti. Ma Sorrento, che fa parte di un comprensorio molto vasto che comprende la Penisola Sorrentina e Amalfitana, emerge da sola a differenza della Romagna, non riuscendo a fare sistema con le altre splendide località”.

“Le conclusioni dello studio – conclude anche Croatti – confermano la grande attrazione che le nostre principali destinazioni turistiche esercitano tra i nostri ospiti stranieri. La varietà dell’offerta è uno dei nostri punti di forza. Ma non mancano anche gli aspetti negativi che riguardano soprattutto la condizione delle strade, che è ritenuta molto critica, l’organizzazione delle grandi città d’arte con particolare riferimento ai trasporti, ma anche i collegamenti tra i principali aeroporti e le città. La vocazione turistica del nostro Paese deve trovare ulteriori impulsi che portino l’Italia a scalare le classifiche mondiali, che ci vedono in quinta posizione a netta distanza dalla Francia e la Spagna che padroneggiano da anni grazie ad una distribuzione omogenea della propria offerta turistica.Questa è una delle sfide che attende il Governo Conte nei prossimi mesi. Portare turisticamente l’Italia a recitare il ruolo di leader che merita”.

 

Più informazioni su