Reddito di cittadinanza e Pensione di cittadinanza. Quanti sono i ravennati che li percepiscono?

A febbraio, l’INPS ha comunicato i dati aggiornati dell’Osservatorio su reddito e pensione di cittadinanza.

Secondo quanto riportato sul sito dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, nella provincia di Ravenna, al 10 febbraio 2020, sono 5.285 i cittadini che ricevono il Reddito di cittadinanza pari a 458,76 Euro in media (2.375 nuclei beneficiari).
La Pensione di cittadinanza è stata attribuita invece a 540 cittadini della nostra provincia ( pari a 505 nuclei) e corrisponde ad un importo medio mensile di 196,15 Euro.
In totale sono 5.825 le persone che destinatarie delle due misura di contrasto alla povertà e che ricevono un importo medio mensile pari a 412,71 Euro.

I dati relativi alla Provincia ravennate sono in linea con quelli di Ferrara e Rimini, dove i cittadini che beneficiano di Reddito di cittadinanza e di Pensione di cittadinanza sono rispettivamente 5.991 e 5.509.
A guidare la classifica emiliano romagnola delle provincie con il più alto numero di cittadini che usufruiscono degli aiuti dello Stato vi sono Bologna (15.254), Modena (11.448), Reggio Emilia (8.174), Parma (7.232). LE due ultime posizioni sono di Forlì’ Cesena  (4.781)
e Piacenza (3.731).
In totale, in Emilia Romagna sono 67.945 le persone a cui vengono assegnate mensilmente le due misure di contrasto alla povertà: 62.447, quelle che accedono al Reddito di cittadinanza (in media 456,90 Euro ), mentre sono 5.498 i cittadini beneficiari della Pensione di cittadinanza ( in media 211,29 Euro).

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bi

    tanti ed in tanti si sono separati per finta ed in tanti lavorano in nero

  2. Scritto da Andrea

    Se andassero veramente a chi ne ha bisogno, sarebbe anche giusto,ma chissà come mai,in Italia,questi benefici vanno sempre a chi riesce a fare il furbo,mentre a chi servono non arrivano mai…