Il Premier Conte incontra la cooperazione agroalimentare romagnola: il 24 febbraio sarà a Faenza

Lunedì 24 febbraio il presidente del consiglio visiterà anche l'impianto a biometano di Caviro a Faenza

La cooperazione agroalimentare romagnola apre le porte al presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte, che lunedì 24 febbraio sarà in Romagna per incontrare alcune importanti cooperative aderenti a Confcooperative, si legge sul sito di Confcooperative ER.

In mattinata il premier farà tappa all’aeroporto “Ridolfi” di Forlì e al Polo tecnologico aeronautico per una visita istituzionale; dopodiché alle ore 12.30 sarà a Cesena per inaugurare il nuovo magazzino automatico di Orogel, il gruppo cooperativo cesenate leader nella produzione di surgelati. Alle 14.15 è previsto l’arrivo di Conte alla sede di Caviro a Faenza, e in particolare all’Oasi delle Cicogne adiacente il nuovo impianto a biometano (il primo in Italia da filiera agroindustriale), avviato di recente dal consorzio vitivinicolo romagnolo tra i primi player del vino in Italia. Seguirà poi un momento di confronto con i rappresentanti di Confcooperative (a partire dal presidente nazionale Maurizio Gardini), delle imprese e delle autorità locali.

“Siamo davvero onorati di poter accogliere il presidente del consiglio dei ministri all’interno delle nostre cooperative agroalimentari – commenta il presidente di Confcooperative Emilia Romagna, Francesco Milza –, questa visita è l’occasione per fargli conoscere da vicino alcune eccellenze del Made in Italy come Orogel e Caviro, realtà cooperative capaci di valorizzare al meglio le produzioni conferite dai soci agricoltori e di attuare importanti investimenti in tecnologia e in green economy. La cooperazione è in prima linea nel creare buona occupazione, agganciando le innovazioni dell’industria 4.0 e incrementando il suo impegno per una crescente sostenibilità ambientale delle produzioni, senza lasciare indietro le persone che rappresentano il primo bene delle nostre imprese”.