Quantcast

Dal 18 maggio riaprono bar, ristoranti, estetisti e parrucchieri: arriva l’ok dal Governo

Bonaccini: "In Emilia-Romagna ci faremo trovare pronti. Con le parti sociali, gli enti e gli operatori da giorni al lavoro su criteri condivisi per garantire la ripartenza in sicurezza di ogni comparto"

Tra giovedì 14 e venerdì 15 maggio dovrebbero arrivare le linee guida per consentire alle Regioni di riaprire dal 18 maggio commercio al dettaglio, bar e ristoranti, estetisti e parrucchieri. A darne notizia è l’Ansa, che riporta quanto è emerso nel corso dell’incontro avvenuto tra Governo e Regioni. All’incontro è stato chiarito che i protocolli di sicurezza saranno indicati per ogni attività, perché si possa riaprire in sicurezza. Le Regioni potranno far ripartire in autonomia le attività a partire dal 18 maggio tuttavia, come si legge sull’Ansa, il Governo avrà la possibilità di intervenire nel caso in cui, in base all’andamento dei dati sulla curva del contagio, fosse necessario bloccare una nuova diffusione del virus.

“Da lunedì 18 si riparte – afferma sulla sua pagina Facebook il governatore della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini – . Potranno riaprire diverse attività finora sospese, sia pure in condizioni di sicurezza e rispettando protocolli a tutela della salute sia di lavoratrici e lavoratori sia degli utenti e della clientela. Sarà infatti possibile una ripartenza differenziata sulla base dell’andamento del contagio e dei dati epidemiologici nei territori, decisa dalle singole Regioni. Termina infatti la fase di sospensione delle competenze regionali per quando riguarda apertura attività produttive ed economiche, necessaria nelle settimane di massima emergenza sanitaria. È quello che avevo chiesto al Governo, in qualità di presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. E dal premier Conte e dai ministri Boccia e Speranza, incontrati assieme ai miei colleghi presidenti, sono arrivate risposte positive. Attendiamo ora le linee guida nazionali e i protocolli di sicurezza nel più breve tempo possibile. In Emilia-Romagna ci faremo trovare pronti. Con le parti sociali, gli enti locali e gli operatori siamo da giorni al lavoro su regole e criteri condivisi per garantire la ripartenza in sicurezza in ogni comparto, dal turismo ai servizi, e puntiamo alla riapertura, dalla prossima settimana, di negozi al dettaglio, bar e ristoranti, mi auguro anche parrucchieri, estetisti e tatuatori, se la diffusione dell’epidemia continuerà a rallentare come sta facendo in maniera decisa ormai da giorni. Anche per questo dobbiamo tutti rispettare le regole di prevenzione e protezione. Ringrazio il presidente del Consiglio e il Governo, col quale confronto e collaborazione istituzionale non sono mai venuti meno. Se unità e condivisione erano fondamentali per uscire dall’emergenza sanitaria, lo sono a maggior ragione adesso che il Paese è chiamato a ricostruire. E a farlo insieme”.

“La nostra stella polare è garantire la salute delle persone. Ma sappiamo – aggiunge Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, Commercio e Trasporti – che una comunità non può bloccare a lungo la propria economia, senza rischiare gravi ripercussioni anche sul piano sociale. Per questo guardiamo con fiducia alle riaperture di molte attività economiche ora sospese a causa dell’emergenza covid-19. E stiamo lavorando affinchè tutto questo avvenga nelle condizioni di massima sicurezza per tutti. In primo piano l’esigenza di garantire la sicurezza dei lavoratori e dei clienti, come dicevo, ma anche la consapevolezza di voler rimettere in moto – presto e bene – una macchina che garantisce una percentuale significativa della ricchezza dell’Emilia-Romagna”.

“Credo che ancora una volta l’Emilia-Romagna – conclude Corsini- con le proprie Istituzioni e le proprie rappresentanze economiche e sindacali, si sia fatta trovare pronta per affrontare la più grave crisi che dal dopoguerra ha colpito queste Paese. Attrezzandosi per ripartire, con determinazione, coraggio e rispettando le regole, perché non possiamo assolutamente permetterci che i contagi ripartano”.

Saranno invece ancora oggetto di confronto tra governo e territori tempifichi e modalità di riapertura dei confini interregionali, per le quali al momento non esiste una visione univoca da parte delle Regioni.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aldo

    In trentino hanno aperto da ieri ma il ministro Boccia non ha detto niente, mentre con la calabria apriti cielo.

  2. Scritto da Francesco

    Dunque,oggi 12-05-2020 attendiamo i protocolli di sicurezza,per aprire 19-05-2020,se non fosse tragica,si potrebbe farsi una bella risata!

  3. Scritto da Gianni C.

    Dal 18 ancora obbligatoria l’autocertificazione?

  4. Scritto da Direttore

    Questo non lo sappiamo ancora. LA REDAZIONE

  5. Scritto da Direttore

    Il Trentino Alto Adide è una Regione a statuto speciale e poi c’è la Provincia autonoma di Bolzano: hanno margini di autonomia più ampi di altre regioni. LA REDAZIONE

  6. Scritto da Maria

    Fra le tante riprese sarà possibile girare i n camper?

  7. Scritto da Mary

    complimenti Regione Emilia Romagna che da lunedì 18 aprite per vostra fortuna avete pochi contagi a Milano apriremo il 01 giugno i contagi e deceduti non diminuiscono purtroppo
    ciao