Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Mauro Basurto (Confimi Romagna): La beffa del Bando Invitalia. In una frazione di secondo 3000 domande

Al fine di far fronte ai costi sostenuti per l’approvvigionamento di dispositivi e strumenti di protezione necessari a fronteggiare l’emergenza sanitaria generata dal CoVid-19, mascherine, guanti, indumenti, calzari, dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea, detergenti, ecc…, Invitalia Spa ha recentemente emanato un bando mettendo a disposizione delle imprese la somma di 50 milioni di euro, risorse provenienti dal bilancio dell’INAIL. Le domande dovevano essere presentate in modalità telematica a decorrere dallo scorso 11 maggio, tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00, fino a lunedì 18 maggio.
Qualora poi la fase di prenotazione fosse andata a buon fine, le aziende avrebbero successivamente dovuto completare l’iter con l’inoltro della domanda di rimborso vera e propria opportunamente documentata.
Fin qui tutto bene………

Anzi, benissimo…, tant’è che Invitalia enfatizza il successo dell’operazione: 249.681 prenotazioni, di cui 208.826 valide, per un importo richiesto complessivo pari a 1.207.561.075 euro.

In realtà sono state soddisfatte le richieste di prenotazione arrivate nella prima frazione di secondo utile dall’apertura del diabolico click day: praticamente i 50 milioni stanziati sono stati sufficienti per coprire le domande inviate tra le 9:00:00 e le 9:00:01 dell’ 11 maggio (poco più di 3000).

La domanda sorge spontanea, direbbe Antonio Lubrano! Visto che nel bando era espressamente vietato l’utilizzo di sistemi automatici di invio della prenotazione, c’è da chiedersi come le prime aziende (che non biasimo in quanto, anche se così fosse, di necessità si fa virtù) ammesse a rimborso abbiano potuto compilare i tre campi necessari all’invio della domanda in tempi di poco superiori ad un centesimo di secondo (che vi fossero Superman o Flash in consolle?).

Coraggio cari Imprenditori, abbiate pazienza, vedrete che nell’attesa di un serio, strutturato e lungimirante piano di politica industriale, che da anni rivendichiamo, prima o poi una “botta di c…” e il click giusto capiteranno anche a voi.

Per consolazione, suggeriamo un paio di letture: il Decreto Rilancio (260 pagine) e le relative Istruzioni Operative (200 pagine), in attesa dei prossimi Decreti attuativi (dovrebbero essere poco meno di cento, per fortuna, pensavo di più….).
Inoltre, volendo, potreste andare a comparvi una bicicletta o un monopattino!!!

Mauro Basurto
Segretario Generale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ruggero

    Caro Mauro, attenzione a comprare la bicicletta o il monopattino!
    Sul sito del Ministero non c’è ancora il modulo per chiedere il rimborso, e neanche le istruzioni, vuoi vedere che anche lì quando sarà il momento non arrivi in tempo e… ciao ciao..?