Quantcast

Rustignoli (Coop Spiagge Ravenna): due mesi fa non sapevamo se avremmo aperto. Ora c’è “cauto ottimismo”

Prime giornate per “testare” l’esperienza in spiaggia. Poi i clienti prenotano l'ombrellone per la stagione

Questo primo fine settimana di giugno, con il lungo week end della Festa della Repubblica, è stato un importante test sull’estate 2020. Una prova superata con sufficiente soddisfazione per gli stabilimenti balneari ravennati. “E’ stato un inizio di stagione diverso dagli anni precedenti ma con un buon dato sulle presenze – commenta Maurizio Rustignoli, presidente della Cooperativa Spiagge Ravenna, che rappresenta gli stabilimenti dei lidi da Casal Borsetti a Lido di Savio – “Nonostante i primi giorni non siano stati baciati dal meteo, lunedì e martedì le cose sono andate meglio”

Rustignoli sottolinea che “la gente ha bisogno di informazioni, vuole capire quali siano le nuove regole per vivere la spiaggia con serenità, e capire meglio come funzionano i protocolli adottati dagli stabilimenti balneari”.

Il presidente della coop Bagnini di Ravenna parla di “cauto ottimismo”: “solo nelle prossime settimane potremo capire meglio come andrà la stagione estiva 2020. Se pensiamo a ciò che abbiamo vissuto e al contesto che abbiamo oggi, possiamo essere soddisfatti. Dalla prossima settimana, con la fine delle scuole e l’inizio delle “vacanze”, la situazione potrebbe migliorare perché tutti sono alla ricerca di quella serenità persa negli ultimi mesi. E la spiaggia e il mare possono sicuramente dare una nuova “normalità” nel rispetto delle regole”.

“Siamo ottimisti – prosegue -. Due mesi fa non eravamo neppure certi di aprire, invece con il ponte del 2 giugno tutti gli stabilimenti dei lidi ravennati si sono fatti trovare pronti e sono arrivati tanti vacanziere dall’Emilia, proprietari di seconde case e non”.

“Rispetto alle prenotazione degli ombrelloni, ad oggi c’è una differenza sostanziale dalle passate stagioni – spiega Rustignoli -. Registriamo un calo del 30-40% ma è un dato che potrebbe variare nelle prossime settimane. Abbiamo notato infatti che è cambiata la modalità: ora si preferisce trascorrere una prima giornata per “testare” l’esperienza in spiaggia nell’estate 2020 e poi, a fine giornata, prima di andare via, si prenota l’ombrellone per il periodo che di vacanza durante l’estate. Diciamo che la ruota ha dato il primo giro e c’è un cauto ottimismo, nonostante il calo”.

“I protocolli sono gestibili e danno buone garanzie ai fruitori delle spiagge. tutto è parzialmente modificato ma vivibile – spiega -. Gli imprenditori balneari sono consapevoli che il 2020 sarà un anno di transizione, e che al bilancio economico si dovrà pensare nella prossima estate. E’ un quadro nuovo e superate le prime titubanze, ora si inizia a lavorare abbastanza bene”.

“Ci sono poche regole, rigide che vanno rispettate, ma sono sopportabili” sottolinea Rustignoli parlando di un mosaico che si compone a poco a poco, con novità in continuo divenire, come la possibilità di tornare a giocare il beach tennis in doppio: “E’ una novità ovviamente gradita a tanti appassionati”.

“Anche i bambini sono bravi – prosegue-. E’ difficile tenerli distanziati ma hanno capito cosa possono e non possono fare e rispettano le regole. Quando vengono al bar indossano tutti la mascherina e quando si trovano nell’area giochi si disinfettano le mani e si comportano bene. E’ chiaro che è importante l’atteggiamento dei genitori. Dopo mesi chiusi in casa, hanno bisogno di divertirsi e di sfogarsi”.

“Insomma – conclude Rustignolo – c’è attenzione a 360 gradi, piccole rinunce, per vivere un’estate quasi normale in spiaggia”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gattorosso

    Speriamo la smettano tutti di frignare e qualcuno si ricordi ogni tanto dei morti per il virus, di medici ed infermieri, oss, farmacisti e addetti ai supermercati in prima linea. Si legge poche regole e sopportabili e questo è vero,da utente, peccato che per alcuni queste poche regole sembrano non esistere. Speriamo bene!!!