Acetificio Venturi. Lega: Lugo non aveva bisogno di un nuovo centro commerciale. Si rischia di svuotare il centro storico”

“Lugo non aveva bisogno di un nuovo centro commerciale. Il progetto era stato contestato, oltre che dal nostro gruppo, anche da più di una delle associazioni di categoria dei commercianti, preoccupati da quello che allora era un problema, ma che ora, a causa del Covid è diventata un’emergenza nell’emergenza”. Così il capogruppo Lega in Unione Enrico Zini e la segretaria provinciale della Lega e capogruppo in Consiglio Comunale a Ravenna Samantha Gardin in merito alla riqualificazione dell’area dell’ex acetificio Venturi di Lugo
Già nel 2017, quando fu presentato il progetto, sorsero non poche critiche e polemiche perché il centro commerciale sarebbe sorto a pochi passi dai locali destinati alla Casa della salute “creando problemi di ingorghi e traffico” spiegano i leghisti, che attaccano il sindaco, presente alla posa della prima pietra: “Sì è prestato ad una nuova esibizione di poca lungimiranza nell’amministrazione della cosa pubblica e ha dato fregio della ben nota spocchia e distanza dalla realtà e dalle esigenze dei cittadini”.

“C’era bisogno di un nuovo centro commerciale? No, sicuramente no. Meglio riqualificare l’area con un parco. In questo modo, invece, andiamo ad acutizzare un problema già esistente: la progressiva sparizione dei negozi al dettaglio a favore dei punti di vendita generalistici, fenomeno che comporta lo svuotamento dei centri storici con implicazioni dirette sul degrado e l’impiego di centinaia di lavoratori” concludono Zini e Gardin.