Porto di Ravenna. ADM e GdF sequestrano 1000 cartoni di piastrelle di ceramica cinese da vendere “sottocosto”

Nei giorni scorsi i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) in collaborazione con i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna, hanno sequestrato 1.020 cartoni di piastrelle di ceramica di origine e provenienza Cina destinate ad una impresa del settore del comprensorio della provincia di Modena.

Le attività di controllo sulle merci sbarcate nel porto bizantino hanno consentito di scoprire un sofisticato meccanismo di frode che mediante l’utilizzo di false fatture avrebbe consentito di sottrarre all’accertamento dei diritti doganali gravanti sull’importazione di piastrelle di ceramica il dazio addizionale antidumping del 69,7%.

La normativa dell’Unione europea del settore delle piastrelle di ceramica della maggior imposizione fiscale dell’antidumping è stata emanata per impedire l’immissione nel territorio dell’Unione di prodotti il cui prezzo è notevolmente inferiore a quello praticato normalmente, che causa un pregiudizio grave per la produzione nazionale.

L’importatore italiano è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per contrabbando aggravato che prevede una multa da euro 52.138,71 a euro 104.277,41.

La sinergia tra l’Agenzia e la GdF, attraverso una mirata attività di analisi dei rischi dei traffici portuali, ha consentito la scoperta della frode.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dante A.

    Poveri noi, grazie a chi? Riflettete

  2. Scritto da C.M.

    Per cortesia, vorremmo sapere poi di questa multa inflitta, quanto in realtà pagherà e se pagherà. Grossissimo problema italiano: pagano solo i poveracci che il più delle volte vengono multati per stupidaggini, mentre le solite TRAVI restano invisibii rispetto alle PAGLIUZZE
    Bello il nostro patto con la Cina!!!