Il 4 dicembre l’assemblea dei delegati delle 400 aziende Legacoop Romagna, in modalità telematica

Più informazioni su

Per il 2021 le 400 imprese associate a Legacoop Romagna prevedono che gli effetti negativi del covid si faranno ancora sentire, ma con dati in miglioramento rispetto al 2020. Fra le principali preoccupazioni, il mantenimento delle posizioni di mercato e la complessità degli aiuti pubblici, che dovranno anche essere ulteriormente potenziati. Saranno questi alcuni degli argomenti che saranno affrontati venerdì 4 dicembre a partire dalle ore 9,15, nel corso dell’assemblea dei delegati di Legacoop Romagna, organizzata in modalità completamente telematica.

«In questo appuntamento abbiamo scelto di affrontare maggiormente le tematiche organizzative e interne — spiega il presidente Mario Mazzotti — per dedicarci poi nei prossimi mesi, quando speriamo l’emergenza sarà conclusa, a un appuntamento dal vivo in cui riaffermare il nostro radicamento territoriale insieme ai protagonisti della vita economica, sociale e politica».

L’emergenza coronavirus non ha mai fermato la partecipazione democratica all’interno dell’Associazione, che sin dai primi giorni della pandemia ha riorganizzato le proprie attività per garantire il massimo rispetto dei provvedimenti a tutela della salute pubblica. Per questo motivo anche l’Assemblea dei Delegati è stata organizzata su una piattaforma di videoconferenza, seguendo protocolli ormai consolidati dal punto di vista normativo e informatico.

L’ordine del giorno dell’assemblea del 4 dicembre prende il via dalla relazione del presidente di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti su rendiconto e piano lavori per il prossimo anno. Nel programma dell’assemblea anche la nuova piattaforma di welfare cooperativo “Welfare Coop” e le idee vincitrici della terza edizione di Coopstartup Romagna, insieme alle votazioni su una serie di adempimenti formali e modifiche statutarie.

Più informazioni su