Faenza Cresce su Valorizzazione delle eccellenze del territorio: “No a azioni isolate, serve una visione comune”

I gruppi consiliare Per Faenza e Insieme per Cambiare hanno presentato, per il consiglio comunale che si terrà quest’oggi 28 gennaio, un ordine del giorno sul turismo. Per la “Valorizzazione delle eccellenze del territorio”  i consiglieri Zola, Cavina e Penazzi,propongono di creare installazioni artistiche in tre rotatorie situate nei punti strategici per la viabilità, distribuire per la città i simboli dei Rioni e produrre un flyer da distribuire. Sul tema interviene Faenza Cresce dichiarando di  condivide le premesse del documento: “la promozione delle nostre eccellenze è da considerarsi uno degli obiettivi prioritari di sviluppo e siamo d’accordo che una migliore comunicazione debba essere implementata per migliorare l’attrattività del territorio”.

“Tuttavia riteniamo che le proposte conseguenti siano inadeguate e poco incisive”  dichiarano da Faenza Cresce. “Pur riconoscendo alla ceramica e alla rievocazione storica del Palio un ruolo di propulsori dell’identità storica faentina, siamo certi che le eccellenze qualificanti del nostro territorio si esauriscano a questi temi? Non crediamo, piuttosto, che ciò che debba essere comunicato sia la forza di “sistema” espressa dal nostro territorio? Che insieme al “saper fare” e alla tradizione artistica sia fondamentale rilanciare, in modo forte e contemporaneo, la qualità della vita, delle produzioni enogastronomiche, dei paesaggi, della storia, della natura che il nostro territorio e la nostra gente esprime? Che sia necessario abbracciare questa sfida mettendo a valore ciò che hanno da offrire insieme le valli del Lamone e del Senio? Pensiamo di volerci accontentare di tre rotatorie e di un volantino? Davvero sono questi gli strumenti che vogliamo mettere in atto?” domandano.

“Siamo perplessi anche sul metodo – proseguono -. Riteniamo infatti che il Consiglio Comunale dovrebbe stimolare l’adozione, da parte di chi se ne occupa, di un atteggiamento concreto ma in gradi di affrontare la questione in maniera integrata, strutturale e non a spot; che coinvolga tutti gli attori del settore e della promozione territoriale”.

Faenza Cresce ritiene che raccontare e valorizzare Faenza sia qualcosa di diverso, come espresso nelle proposte di programma (https://www.faenzacresce.it/programma/attrattivitae-turismo/): «Crescere significa far ripartire il turismo potenziando in chiave di attrattività gli eventi già esistenti e sviluppando nuovi progetti e canali per renderla più aperta, attiva e internazionale tutto l’anno. Valorizzare, in sinergia con i territori circostanti, la sua posizione strategica. Promuovere la bellezza e le risorse del territorio, i percorsi e i sentieri, il “Treno di Dante”, facendo leva sul vivace patrimonio artistico e sostenendo le realtà locali enogastronomiche e artigianali dal carattere unico. Potenziare la presenza del nostro territorio sui circuiti esteri».

“Per questo motivo non sosterremo il documento presentato dai due gruppi consiliari, convinti che solo una strategia a tutto campo possa funzionare, rifiutando azioni puntuali che rischiano inevitabilmente di restare isolate, ma facendo uno sforzo per consolidare proposte e idee intorno a una visione comune” concludono.