Quantcast

Proroga concessione Saline di Cervia per 50 anni. Pd: “Importante passo per il futuro della città”

Lunedì 12 aprile, a Cervia, si firma la proroga per 50 anni della concessione in essere tra il Comune e l’Agenzia del Demanio riguardo le Saline di Cervia.

Questo è un grande passo per Cervia – dichiarano dal Pd cervese –  in vista del rilancio di tutto il comparto delle Saline come forte elemento turistico per tutta la città, oltre che importante polo industriale ed ambientale.  L’ecosistema della nostra città, di cui le Saline sono parte fondamentale, ci consente di poter sviluppare un turismo per 12 mesi, di guardare mercati lontani e sensibili alle offerte ecoturistiche, di poter rafforzare una rete di strutture ricettive e di servizi che uniscono il balneare con il rurale.

Nei prossimi anni – continuano dal Pd – sono previsti importanti sviluppi: il recupero di alcuni degli antichi caselli, dell’immobile per il rimessaggio delle burchielle e della idrovora, la creazione di una rete ciclopedonale che percorrerà esternamente l’area. Grazie ai recenti scavi, nel centro delle Saline, è emersa una piccola Pompei, con i resti di due, forse tre città. Nascerà un parco archeologico unico nel suo genere.

Cervia si candida inoltre a capofila delle città europee del sale, un progetto affascinante volto a mantenere alto l’emblema di Cervia anche al di fuori del nostro Paese. Anche la Società Parco della Salina – aggiungono dal Pd – potrà aumentare la propria progettualità e il proprio piano industriale, grazie alla possibilità di accedere a mutui e progetti Europei. Il tutto mantenendo, anzi rafforzando, il -rispetto di questo particolare e protetto ecosistema, la cui unicità lo reso  area Ramsar e “Stazione”  del Parco del Delta del Po.

Il PD cervese si complimenta con il Sindaco, la Giunta e con tutti coloro che “hanno avuto la visione, che hanno lavorato, quotidianamente, per arrivare a questa importante firma consci che una brava amministrazione e una squadra capace lavora agendo locale pensando globale, come facciamo qui, a Cervia”.