Quantcast

Decreto “Sostegni Bis”: Federcoop Romagna propone verifiche caso per caso

Più informazioni su

Il nuovo Decreto “Sostegni Bis” sotto esame: giovedì 10 giugno  Federcoop Romagna, la società di consulenza e servizi di Legacoop Romagna, ha organizzato un webinar gratuito e aperto a tutti per approfondire le misure previste connesse all’emergenza da COVID-19, in particolare per le imprese, il lavoro e i giovani. Oltre cento i partecipanti collegati per ascoltare le relazioni degli esperti Laura Macrì (servizio fiscale), Claudio Riciputi (consulenza del lavoro), Federica Buzzi (consulenza societaria) e Monica Bolognesi (consulenza direzionale). a dimostrazione dell’importanza del provvedimento per il mondo della cooperazione romagnola.

«Le domande sono state tante, così come le richieste di approfondimenti. Ora i nostri esperti — dice l’AD di Federcoop Romagna, Paolo Lucchi — sono a disposizione per procedere ad un esame specifico, caso per caso ed impresa per impresa, delle opportunità concesse dal Decreto, anche a partire dalle variazioni che dovessero concretizzarsi nei prossimi giorni, durante la discussione parlamentare prevista prima della conversione di un provvedimento che, lo ricordo, ha un costo per la nostra collettività, di oltre 40 miliardi di euro e che rappresenta il primo vero segno di passaggio tra l’emergenza sanitaria e l’auspicabile ripresa sociale ed economica».

Per raggiungere gli esperti di Federcoop Romagna è possibile utilizzare il modulo sul sito www.federcoopromagna.it/contatti.

Il Decreto Sostegni Bis prevede un nuovo pacchetto di contributi a fondo perduto, con uno stanziamento complessivo di oltre 15 miliardi di euro per i soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione, nonché per gli enti non commerciali e del terzo settore, senza alcuna limitazione settoriale o vincolo di classificazione delle attività economiche interessate.

Dal punto di vista della finanza, il titolo II pone mano alle precedenti previsioni normative in materia di strumenti a supporto della liquidità delle imprese. Il decreto interviene anche in materia di lavoro, con disposizioni sulla Naspi, la cassa integrazione e gli ammortizzatori, il contratto di espansione e quello di rioccupazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.