Quantcast

Green pass, Mambelli (Confcommercio Ravenna): “Utile per scongiurare future chiusure, ma problematico nell’applicazione”

Ormai lo sappiamo tutti: dal 6 agosto, per entrare per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici, sarà obbligatorio esibire il Green pass, la famosa “Certificazione verde” che si ottiene con la prima dose di vaccino, con tampone rapido fatto nelle 48 ore precedenti o, per chi sia guarito dal Covid, è in vigore per sei mesi dopo la guarigione.

Ma come funzionerà nello specifico, soprattutto in uno dei settori più colpiti, ovvero quello della ristorazione? Lo abbiamo chiesto a Mauro Mambelli del ristorante ravennate La Gardela e Presidente di Confcommercio Ravenna.

Mambelli, cosa ne pensa del Green Pass?

“Il Green Pass come misura in sé è corretto e giusto, perché comunque ci dà la possibilità di poter lavorare e, soprattutto, si spera, di scongiurare eventuali chiusure, che sono sempre la spada di Damocle che ci pende sulla testa.”

Come funzionerà nello specifico, per il settore ristorazione? 

“Nella sua applicazione pratica mi trovo in disaccordo: prima di tutto c’è già l’affanno a munirsi dell’applicazione che legga il QR Code e, cosa non secondaria, costringerà alcuni a munirsi di un telefono aziendale che possa leggerlo, cosa che non tutti hanno, e quindi questo comporterà un ulteriore dispendio economico in un periodo già nero. Ora si sta ragionando anche sull’idea di munirsi di qualcosa di più veloce come una pistola che legga i codici in maniera più rapida, ma resta comunque il problema logistico.

Infatti non solo ci dovrà essere qualcuno di noi che aspetta i clienti all’interno per leggere il QR Code, ma dovrà farlo anche estremamente in fretta, perché in giornate concitate non entra una persona alla volta, ma molte di più. Un controllo del genere è molto più semplificato in situazioni dove è già preposta l’emissione di un biglietto, come trasporti o teatri, mentre in un ristorante o in un bar è molto più complesso. E’ certamente vero che questa situazione pandemica va arginata, e noi abbiamo fatto di tutto, ma certe misure di difficile applicazione ci sconfortano e ci penalizzano: se per esempio ci sfugge anche una sola persona rischiamo diversi giorni di chiusura.”

C’è quindi preoccupazione per le complicazioni che potrebbe dare?

“Sì, molta, perché oltre a fare i ristoratori, i cassieri, i camerieri, ora dobbiamo fare anche i ‘poliziotti’: come detto sopra, c’è sempre il cosiddetto ‘furbetto del quartiere’ che magari, in un gruppo di diverse persone, sfugge, o il ragazzino che dimostra 11 anni invece ne ha 13 (il Green Pass viene richiesto a partire dai 12 anni, n.d.r.), o un qualunque altro errore che anche commesso in buona fede ci fa scattare chiusure veramente penalizzanti in situazioni per noi difficili da controllare. Potremmo anche dover chiedere la carta d’identità, per verificare ad esempio che qualcuno non stia usando il Green pass di qualcun altro, ma non sempre c’è chi è disposto a fartela vedere.  Ci vorrebbe una persona preposta a fare questi controlli, qualcuno fornito – e formato – dal Governo, per evitare queste potenziali situazioni rischiose che ricadono sempre a carico nostro”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batti

    in parte ha ragione, secondo me la sanzione deve essere del cliente, e anche penale (mette a rischio la salute altrui) ma una sanzione deve stare anche all esercente
    perche ci sarà sempre il gnorri che non vede per un cliente in piu (solo per concorrenza sleale)

  2. Scritto da vb

    Vi invito ad immaginare lo scenario di un possibile controllo da parte delle forze dell’ordine in un ristorante, oppure bar, con decine di persone sedute al loro tavolo, per vedere se hanno il green pass. Che cosa vi viene in mente? Si, proprio quello! Non ci siamo proprio.

  3. Scritto da Luca

    Non tiriamo fuori problemi che non ci sono, un “cellulare aziendale” ce l’hanno ormai pure neonati ed ultracentenari, l’applicazione di verifica QR Code si scarica come i vari instagram/facebook/whatsapp. I controlli dei codici non determineranno code chilometriche di clienti estenuati sotto il sole cocente delle vie del centro. Certo, i furbetti ci saranno sempre, così come i ragazzini che si alzano l’età per poter consumare alcolici: niente di nuovo sotto al sole.

    Ripeto: pensiamo alle criticità che sono sotto gli occhi di tutti (vaccinazioni da svolgersi, focolai da evitare), più che a questioni di lana caprina. Sbaglio?