Quantcast

Per le aziende colpite dalla pandemia in Bassa Romagna stanziati 2,3 milioni di euro

Sono in arrivo 2,3 milioni di euro di contributi a fondo perduto a sostegno dei settori economici e lavorativi più colpiti dalle misure restrittive adottate per il contenimento del Covid-19. La giunta dell’Unione dei Comuni ha già approvato i criteri e le modalità per l’erogazione dei contributi, mentre il bando sarà pubblicato nei prossimi giorni e rimarrà aperto per tutto il mese di settembre.

La misura di sostegno è rivolta a micro, piccole e medie imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, che abbiano una o più unità locali aperte al pubblico all’interno dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna (con esclusione delle unità locali qualificate come magazzino o deposito).

Il contributo sarà concesso ripartendo l’ammontare complessivo del plafond per il numero di imprese ritenute ammissibili, fino a un massimo di 4mila euro per ciascun richiedente.

“Abbiamo lavorato molto a questo bando, certi che possa dare respiro a tante nostre imprese particolarmente colpite dalla crisi – ha dichiarato Davide Ranalli, sindaco referente per lo Sviluppo economico dell’Unione della Bassa Romagna -. È una delle tantissime misure che abbiamo adottato in questi diciotto mesi di pandemia, e come sempre abbiamo cercato la massima concertazione per raggiungere l’obiettivo. Questo ci permette di far sì che i contributi siano mirati e che vadano davvero a beneficio di chi ne ha più bisogno. Sappiamo che questa misura da sola non può essere la panacea di tutti mali, ed è proprio per questo che continuiamo a lavorare su più fronti, per fare in modo che il nostro tessuto economico e sociale possa uscire a testa alta da questa situazione”.

“Dopo un anno segnato da una crisi senza precedenti a causa della pandemia di Covid-19 riteniamo significative iniziative come questa – ha commentato Stefano Pucci, coordinatore del Tavolo dell’imprenditoria della Bassa Romagna -, particolarmente importanti per il sostegno alle imprese in un momento così delicato. Grazie alla collaborazione tra associazioni di categoria e pubblica amministrazione i soggetti più danneggiati avranno l’opportunità di avere un aiuto utile alla ripresa e al rilancio delle aziende del nostro territorio”.

La domanda di contributo dovrà essere inviata esclusivamente per via telematica, attraverso la piattaforma messa a disposizione dell’Unione; le modalità di accesso e di utilizzo saranno rese disponibili sul sito internet dell’Unione. L’accesso al sistema informatico per la presentazione della domanda potrà essere effettuato tramite identità digitale Spid, oppure tramite Carta nazionale dei servizi (Cns) con Pin dispositivo.

Per maggiori informazioni sul bando, in uscita nei prossimi giorni e aperto per tutto il mese di settembre, è possibile contattare la mail sportellounico@unione.labassaromagna.it, oppure chiamare lo 0545 38387 (dalle 11 alle 13, dal lunedì al venerdì).