Quantcast

L’assessora Annagiulia Randi: “Ringrazio i lavoratori e le lavoratrici del porto di Ravenna per l’alto senso di responsabilità dimostrato ieri”

Ieri, venerdì 15 ottobre, prima giornata con “obbligo di green pass al lavoro” non ha fermato il Porto di Ravenna. ” I lavoratori e le lavoratrici che operano nel porto di Ravenna, recandosi regolarmente al lavoro, hanno mostrato serietà professionale e di avere a cuore l’economia della città e la salute pubblica, evitando alle aziende di sospendere le attività produttive e la prestazione di servizi” ha commentato la  neo assessora Annagiulia Randi con deleghe al Porto e allo Sviluppo economico.

“E’ stata garantita la piena operatività del nostro scalo, salvo limitate e trascurabili defezioni, ed è stata assicurata la normale attività dei servizi tecnici nautici senza ricadute per gli armatori, per i terminalisti, per i detentori di merce, per gli utenti tutti – prosegue l’assessora – . Questo a differenza di ciò che è accaduto in altri porti, Trieste in primis, dove a partire dalle primissime ore di ieri si è vissuta una giornata di caos, con lavoratori “no green pass” che, appostati davanti ad uno dei principali varchi d’ingresso, hanno ridotto l’operatività del porto al 50%.

“Un ringraziamento agli uomini e alle donne della nostra comunità portuale che ancora una volta si sono dimostrati esempio di serietà, buon senso, responsabilità professionale e civile” ha concluso la Randi.