Assessore Corsini su Zona Logistica Semplificata: “Progetto ambizioso e strategico per Ravenna e l’Emilia-Romagna”

Più informazioni su

“Zona logistica semplificata, una grande opportunità per Ravenna e l’Emilia-Romagna” è il titolo del convegno, svoltosi ieri, 12 marzo alla Camera di Commerci di Ravenna, durante il quale è stato presento “il grande piano regionale per la movimentazione integrata delle merci“, che permetterà il pieno sviluppo del sistema logistico, economico e produttivo di tutto il territorio da Piacenza a Rimini con perno dell’operazione il porto ravennate.

Durante il convegno, organizzato da Regione Emilia Romagna e Camera di Commercio di Ravenna, sono state illustrate tutte le potenzialità della Zls. La Zona logistica semplificata giunge dopo il via libera dell’Assemblea legislativa al Piano di sviluppo strategico regionale, che ha dato avvio al percorso istitutivo del progetto, ora in attesa dell’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei ministri.

La Zona logistica semplificata è una grande ‘rete’ di collegamenti per la movimentazione delle merci, che metterà in relazione infrastrutture viarie e ferroviarie con le aree produttive commerciali della regione. Un progetto speciale che andrà a beneficio di tutto il sistema di trasporto merci, del tessuto imprenditoriale e dell’occupazione.E in questo contesto baricentro di tutto il sistema è proprio il porto di Ravenna. Anche le imprese della Zls che utilizzeranno il porto di Ravenna potranno avere vantaggi concreti: si tratta di agevolazioni, nazionali e regionali, come ad esempio semplificazioni amministrative, incentivi economici e sgravi fiscali.

“Il piano, il cui cuore pulsante sarà proprio il porto di Ravenna, coinvolgerà 11 nodi intermodali da Ravenna a Piacenza, 25 aree produttive, 9 province e 28 Comuni, consentendo così il pieno sviluppo del sistema logistico, economico e produttivo di tutto il territorio”  ha sottolineato l’assessore regionale Andrea Corsini.

Corsini ha definito la ZLS: “Un progetto ambizioso e strategico, che consentirà alla nostra regione di essere sempre più all’avanguardia nello scambio merci integrato e tra le prime in Italia a vedere l’istituzione di una sistema logistico di questa portata!”

Più informazioni su