Mario Mazzotti (Legacoop Romagna): al governo chiediamo misure di sostegno per le imprese e al reddito, a tutti serve subito la pace foto

Più informazioni su

Oggi venerdì 8 aprile si è tenuta a Milano Marittima l’assemblea annuale di Legacoop Romagna. I delegati e le delegate provenienti dalle tre province dell’area vasta — Ravenna, Rimini e Forlì-Cesena — dopo i saluti del Sindaco di Cervia Massimo Medri hanno ascoltato la relazione del Presidente Mario Mazzotti dedicata alla situazione economica, resa particolarmente preoccupante dalla guerra tra Russia e Ucraina e dall’aumento dei costi energetici e delle materie prime. Poi hanno ratificato il bilancio dell’Associazione. Legacoop Romagna rappresenta circa 380 imprese dell’area vasta operanti in tutti i settori del mercato, con un valore della produzione di oltre 6 miliardi di euro, 80 mila soci e oltre 23mila lavoratori.

Legacoop

“Il 2021 — dice il Presidente Legacoop Romagna Mario Mazzotti — è stato sostanzialmente un anno positivo. Abbiamo raggiunto livelli di crescita superiori alla media in quasi tutti i settori e incrementato l’occupazione e l’offerta di lavoro da parte delle cooperative, se si esclude il settore della cultura e degli eventi. Ma l’aumento dei prezzi dei materiali e dell’energia e la guerra hanno cambiato in modo drammatico il contesto per il 2022. Prevedevamo una crescita di oltre il 4% nel corso del 2022, ora il quadro è notevolmente raffreddato, anche a causa di elementi speculativi innegabili.”

Mario Mazzotti ha sottolineato che c’è molta preoccupazione fra i cooperatori soprattutto per l’inflazione e il caro energia. “Occorre un intervento forte di sostegno al sistema delle imprese da parte del governo, non di carattere assistenziale – dice Mazzotti – ma con misure che puntino ad accelerare gli investimenti previsti e a sterilizzare gli aumenti dei costi energetici e delle materie prime. L’intervento principale che chiediamo però è di sostegno al reddito, perché questa situazione rischia di creare ulteriori distorsioni sociali e disuguaglianze. Per questo nel Def è necessario il governo metta misure di sostegno al reddito, cioè salari e pensioni. Per sostenere la domanda occorrono misure di redistribuzione del reddito a favore delle fasce più deboli, perché non si può scaricare il costo di questa situazione sul consumatore finale.”

“Le cooperative ci sono. – ha detto ancora Mazzotti – Noi stiamo attuando progetti importanti su ambiente, innovazione tecnologica, territorio, welfare. Ripeto, noi con le nostre imprese ci siamo, facciamo la nostra parte, ma sullo sfondo c’è per tutti la preoccupazione per la tragedia in corso in Ucraina, per le sue conseguenze umanitarie oltre che per le conseguenze sull’economia. Le armi devono abbassarsi, il diritto internazionale deve essere ripristinato, l’invasione russa deve cessare e bisogna tornare a ridare la parola alla diplomazia e al dialogo. Prima di tutto, la pace. Una pace giusta e rapida, che eviti che ci sia in futuro un nuovo muro di Berlino lungo duemila chilometri in Europa”.

Legacoop

I TEMI DELL’ASSEMBLEA LEGACOOP ROMAGNA

Anche se per ora le imprese vivono una sorta d’attesa, con punte significative di pessimismo verso il futuro, ma non ancora di sfiducia, il rischio è di imboccare la strada della stagflazione e che la spinta propulsiva su cui si contava per la crescita, si interrompa bruscamente. Occorre quindi avviare un piano nazionale ed europeo per l’indipendenza energetica, sostenere la domanda e i redditi, affrontare il problema della frammentazione del sistema produttivo, risolvere la questione dei “contratti pirata” che minano il mercato del lavoro e le cooperative sane. Di fronte all’aggressione della Russia contro l’Ucraina, è durissima la condanna di Legacoop, che ha rilanciato la necessità di interrompere l’escalation e fare sedere al tavolo dei negoziati le parti in campo, facendo prevalere le ragioni della pace, per fermare gli orrori della guerra e riprendere il cammino della crescita.

Questi i temi principali che il presidente di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti ha affrontato di fronte agli oltre 300 partecipanti all’assemblea annuale dell’Associazione, svolta oggi a Milano Marittima. Numerosi i rappresentanti del mondo sindacale, associativo, politico e istituzionale intervenuti: tra questi il senatore Stefano Collina, i consiglieri regionali Gianni Bessi, Nadia Rossi e Massimo Bulbi, il Sindaco di Ravenna Michele de Pascale, il Sindaco di Cesena Enzo Lattuca, il Sindaco di Cervia Massimo Medri e numerosi sindaci del territorio romagnolo.

Il dibattito e gli interventi dei cooperatori hanno evidenziato le problematiche affrontate dalla imprese e i numerosi progetti realizzati da Legacoop in questi mesi. Sono intervenuti tra gli altri il presidente di Legacoop Emilia-Romagna, Giovanni Monti, il presidente di Fruttagel, Stanislao Fabbrino, la responsabile produzione servizi di Legacoop Romagna area Forlì-Cesena, Simona Benedetti, il direttore della coop Trasporti Riolo Terme, Davide Missiroli, il responsabile relazioni istituzionali di Arco Lavori Giancarlo Malacarne, il responsabile produzione servizi di Legacoop area Rimini Massimiliano Manuzzi, il responsabile università di Legacoop Romagna, Federico Morgagni, la responsabile regionale pari opportunità di Legacoop, Federica Protti, la psicologa di Cento Fiori, Nicoletta Russo, il responsabile innovazione di Legacoop Romagna, Emiliano Galanti, il cofondatore della cooperativa Non Studio, Samuele Bertani, e l’amministratore delegato di Federcoop Romagna, Paolo Lucchi. Ha concluso i lavori il presidente di Legacoop nazionale, Mauro Lusetti.

Entrando nel vivo delle questioni, Mazzotti ha affrontato per prima quella dell’energia, su cui Legacoop Romagna sta realizzando e si sta candidando ad ottenere risorse e finanziamenti pubblici con numerosi progetti. I capitoli si chiamano biometano, rete degli impianti a biomassa e dei prodotti cooperativi, gruppi di acquisti energetici, comunità energetiche. Ma anche progetti di sostenibilità ambientale nelle principali filiere cooperative, in quelle del vino, nelle produzioni biologiche, in agricoltura, in agroindustria, nella logistica e dei trasporti, nella rigenerazione urbana, nel socio sanitario. Serve — dice Mazzotti — una nuova generazione di piani energetici, dall’Europa fino ai singolo Comuni. Piani energetici che fissino obiettivi, indichino percorsi, assegnino premialità.

La seconda azione che serve a sostenere la crescita e a raggiungere gli obiettivi del PNRR, attiene alle politiche pubbliche a sostegno della domanda e dei redditi. Occorre evitare — secondo Mazzotti — il gioco del cerino tra le varie parti in causa: produzione, trasformazione, consumo, per non scaricare a valle e sui consumatori finali l’aumento dei costi.

In terzo luogo — ha continuato Mazzotti — per aumentare la competitività complessiva e la capacità produttiva del sistema, va affrontato il tema della bassa capitalizzazione e frammentazione del sistema produttivo italiano, che da forza che è stata della diversità italiana, si sta trasformando in debolezza. In questo caso le risposte si chiamano reti di imprese. Gli strumenti che Legacoop Romagna sta utilizzando non mancano a cominciare dai contratti di rete, contratti di collaborazione, fino alle fusioni tra diversi soggetti imprenditoriali. Si tratta di processi difficili e complicati, ma inevitabili, sui quali misureremo le nostre capacità di stare quel passo in avanti rispetto alle cooperative, ha aggiunto il presidente.

Il quarto terreno di intervento e di lavoro riguarda il capitale umano, la prima e più importante risorsa per ogni cooperativa. Sono urgenti scelte, anche normative e legislative, ha concluso Mazzotti, che liberino il mercato del lavoro da quelle scelte figlie dell’illusione neo liberista e che le cooperative hanno pagato care specie nel settore del facchinaggio e della logistica, con la piaga delle false cooperative e dei contratti pirata.

Legacoop

Unione: la Bassa Romagna all’assemblea annuale di Legacoop Romagna con Eleonora Proni, Davide Ranalli e Daniele Bassi

Anche la Bassa Romagna ha partecipato all’assemblea annuale delle delegate e dei delegati di Legacoop Romagna, che si è tenuta al Grand Hotel Gallia di Milano Marittima. Per l’Unione erano presenti la presidente Eleonora Proni, il vicepresidente Daniele Bassi e il sindaco referente per le Attività economiche Davide Ranalli.

L’assemblea di quest’anno è stata incentrata sulla situazione economica, resa particolarmente preoccupante dalla guerra tra Russia e Ucraina e dall’aumento dei costi energetici e delle materie prime. Tra i temi sul tavolo per il dibattito anche la situazione dei trasporti e della logistica, l’andamento delle costruzioni, il rinnovo del contratto dell’edilizia, i progetti per l’innovazione, le politiche di genere, la sostenibilità e le politiche sociali.

«In qualità di amministratori, è nostro dovere partecipare a un momento di confronto e dialogo importante come questa assemblea – hanno rimarcato i sindaci -. Legacoop Romagna rappresenta circa 380 imprese delle tre province dell’area vasta, operanti in tutti i settori del mercato, con un valore della produzione di oltre 6 miliardi di euro, 80mila soci e oltre 23mila lavoratori. È dunque un punto di riferimento per il mondo economico e sociale del nostro territorio, nel quale anche la Bassa Romagna è protagonista, con importanti cooperative associate e un numero rilevante di soci. Il dialogo e il confronto sono un pilastro su cui riteniamo si debba fondare una buona amministrazione, poiché solo in questo modo si possono costruire delle politiche efficaci, efficienti e condivise».

Più informazioni su