Alla Festa del Cappelletto di Ravenna tanto pubblico è tornato in Piazza Kennedy

Più informazioni su

Era mancata per due anni, sostituita dalla formula della festa diffusa nei ristoranti, a causa dalla pandemia, e quando finalmente la Festa del Cappelletto – giunta alla 7^ edizione – è tornata in piazza, nel cuore di Ravenna, i ravennati e i turisti hanno risposto riversandosi in Piazza Kennedy come nelle migliori occasioni.

Per tre giorni, il 13, 14 e 15 maggio i cappelletti – grandi protagonisti della tradizione gastronomica romagnola – hanno deliziato tutti con una grande festa del gusto, allestita con i chioschi di sei ristoranti locali che presentavano i loro cappelletti da passeggio: Babaleus; Cucina del Condominio; Marchesini; Mercato Coperto Ravenna; Ristorante al 45; Ristorante Pizzeria Naif.

La Festa del Cappelletto è l’esaltazione del cappelletto romagnolo tradizionale nella versione ravennate, che si differenzia per il ripieno di solo formaggio. I nostri cappelletti racchiudono nella sfoglia all’uovo, Parmigiano-Reggiano e formaggio tenero, uova e noce moscata. Ingredienti di grande qualità per un’esplosione di gusto.

La festa è stata promossa da Confesercenti e Confcommercio, a cui quest’anno si affiancavano anche CNA e Confartigianato. La manifestazione ha goduto del patrocinio e contributo del Comune di Ravenna e della Camera di Commercio di Ravenna. Con il sostegno principale di Molino Spadoni, Officine Gastronomiche Spadoni, Mercato Coperto Ravenna, Acqua Cerelia, Retra, Gruppo Hera e Romagna Acque. Media Partner: Radio Studio Delta. L’organizzazione in piazza e la comunicazione erano a cura di Tuttifrutti Ravenna.

Soddisfatti gli organizzatori della 7^ edizione, appena chiusa con successo: “Dopo due anni di sosta forzata a causa della pandemia, la Festa del Cappelletto è tornata in piazza a testimoniare che siamo usciti finalmente dall’emergenza della pandemia. E in piazza sono tornati tanti ravennati e tanti turisti per gustare i cappelletti nella versione del cibo di strada. Non era scontato che tornassero così in tanti. I sei chioschi hanno distribuito quasi seimila porzioni di cappelletti, in media circa mille a testa. Un risultato buono e confortante. Tanto più che la festa ha coinciso con il primo weekend di gran caldo e sostanzialmente estivo, in cui moltissimi ravennati e turisti hanno deciso di affollare i nostri lidi. Portare in piazza tante persone a gustare la nostra eccellenza gastronomica del cappelletto, ha significato non solo valorizzare un prodotto locale eccellente, valorizzare la ristorazione e stimolare il turismo, ma è stato anche un modo per promuovere il territorio e la città intera. Per questo siamo grati ai ristoranti che hanno creduto in questo progetto e che hanno voluto partecipare anche quest’anno.”

La novità della 7^ Edizione è stata la festa diffusa anche nelle botteghe di pasta fresca, dove i clienti hanno potuto trovare i cappelletti romagnoli nella versione ravennate, con promozioni speciali per l’occasione.

Più informazioni su