Gli alunni della scuola elementare Carchidio di Faenza agrichef per un giorno

Iniziativa del percorso didattico "Il cibo giusto: viaggio attraverso le relazioni, i saperi e i sapori della campagna"

Più informazioni su

Imparare a conoscere la stagionalità e provenienza dei prodotti, il loro corretto utilizzo in cucina, ma anche a porre maggiore attenzione agli stili alimentari. Con questi obiettivi, Donne Impresa e Campagna Amica, in collaborazione con la Camera di Commercio di Ravenna, si sono rivolte anche quest’anno alle migliaia di alunni frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta la provincia, portando in classe e tra i banchi il progetto didattico “Il cibo giusto: viaggio attraverso le relazioni, i saperi e i sapori della campagna”.

Imprenditori agricoli e agrichef, con la collaborazione degli insegnanti, si sono seduti in cattedra durante l’intero anno scolastico fornendo informazioni pratiche e proponendo laboratori dedicati alla stagionalità dei prodotti e degli alimenti, ma anche spiegando come leggere le etichette per una alimentazione corretta e bilanciata.

L’ultima tappa di questo percorso educativo – che culminerà il prossimo 25 maggio in una grande festa aperta a tutti gli alunni e in programma negli spazi del Rione Verde di Faenza – si è tenuta mercoledì mattina alla scuola manfreda Carchidio coinvolgendo tutte le classi III. Nell’occasione, i piccoli alunni hanno potuto vestire per alcune ore i panni dell’agrichef imparando, grazie alla collaborazione di Susanna Vannini, agrichef dell’agriturismo Il Castagnolo di Casola Valsenio, a fare il pane e a confezionare una merenda genuina con ingredienti (formaggi e confetture) rigorosamente a km zero.

Il percorso multidisciplinare teorico e pratico promosso da Campagna Amica Coldiretti punta infatti alla riscoperta del rapporto tra città e campagna, al recupero di conoscenze e tradizioni del territorio ed è teso a riqualificare la valenza socio-culturale dell’aggregazione famigliare attorno alla tavola, oltre che a promuovere l’adozione di comportamenti responsabili nelle scelte alimentari anche nel rispetto dell’ambiente, a partire dal consumo di produzioni locali. Un viaggio didattico, dunque, attraverso le relazioni, i saperi e i sapori della campagna, in linea con i temi di Expo 2015 e l’enciclica Laudato Sì di Papa Francesco.

Più informazioni su