Faenza, Ponte alle Grazie, dal 15 luglio al via i lavori di allargamento dei marciapiedi

Più informazioni su

Prendono il via lunedì 15 luglio prossimo a Faenza i lavori di allargamento dei due marciapiedi del Ponte delle Grazie, che collega il centro della città con il Borgo Durbecco. I due marciapiedi diventeranno ciclopedonali, con uno spazio riservato ai pedoni e uno per i ciclisti. Entrambi i marciapiedi saranno portati a una larghezza di 290 centimetri e saranno rialzati rispetto alla sede stradale (mediamente di 14-18 cm.). Saranno inoltre delimitati da un cordolo in travertino che riprende gli elementi del ponte.

L’utilizzo per i velocipedi sarà a senso unico e una linea gialla, con idonea simbologia, evidenzierà gli spazi da utilizzare. Nella carreggiata stradale le corsie di marcia per i veicoli avranno una larghezza di 3 metri e 30 centimetri, mentre il percorso ciclabile sarà largo 140 cm. e quello pedonale un metro.

A separazione della sede stradale dallo spazio riservato ai ciclisti, sul bordo del marciapiede sarà posizionato un cordolo in gomma riciclata di colore grigio, costituito da elementi componibili smontabili, di peso molto inferiore rispetto a un cordolo in pietra (travertino) o in cemento, per non aumentare i carichi gravanti sulla struttura del ponte.  L’inserimento di un cordolo in gomma, inoltre, non vincola in maniera definitiva l’aspetto estetico del ponte, che potrà, eventualmente, in futuro essere oggetto di riesame.

I lavori inizieranno sul marciapiede lato monte, poi proseguiranno su quello lato valle. Per garantire la sicurezza durante tutto l’intervento, sul ponte sarà istituito un senso unico di marcia con direzione centro storico, mentre il ponte sarà chiuso al traffico in direzione Borgo. Il transito dei pedoni sarà invece sempre consentito su uno dei due marciapiedi. I lavori, per un costo complessivo di 100 mila euro, saranno eseguiti dalla ditta Sear di Cesena e saranno portati a termine in circa quattro settimane: la conclusione è infatti prevista prima di ferragosto.

Più informazioni su