Rating di legalità, Gemos mantiene le 3 stelle. Cooperativa faentina riconferma l’importante certificazione

A due anni dall’ottenimento del rating di legalità con un punteggio di 3 stelle, Gemos, cooperativa specializzata nel settore della ristorazione collettiva, conferma il medesimo risultato, il massimo riconoscimento possibile in materia di legalità e trasparenza per le imprese. “È un rinnovo che ci rende molto soddisfatti – commenta la presidente Gemos, Mirella Paglierani -. In linea con le altre certificazioni che abbiamo ottenuto, il rating è un’ulteriore testimonianza della credibilità e dei valori espressi dalla nostra cooperativa a partire dalla sua stessa mission”.

Dalla sua introduzione in Italia nel 2012, il rating di legalità è considerato uno dei principali strumenti di sensibilizzazione etica per le imprese. Assegnato dall’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato (AGCM), si esprime tramite un punteggio in stellette, da un minimo di 1 a un massimo di 3, che va a indicare il grado di attenzione di una determinata azienda in materia di correttezza, trasparenza e rispetto della legalità. Fattori premianti sono, ad esempio, l’adesione a protocolli di legalità, l’attuazione di modelli di prevenzione e contrasto della corruzione, il rispetto delle norme vigenti in materia di pagamenti e tracciabilità.

L’attribuzione del rating avviene su base volontaria e ha durata biennale, dopodiché è possibile fare domanda per ricevere una nuova valutazione: esattamente la procedura che ha seguito Gemos. “Abbiamo considerato fin da subito le tre stelle del rating come un’attestazione doverosa da ottenere per una cooperativa come la nostra – rivela Paglierani -. Solo in seguito ci siamo resi conto di quanto sia un risultato nient’affatto semplice o scontato, che non tutti riescono a conseguire e che viene giustamente tenuto in grande considerazione perché è garante di precisi requisiti morali e amministrativi e di comportamenti virtuosi che, come Gemos, siamo orgogliosi e consapevoli di portare avanti ogni giorno”.