Gardin (Lega ER): A Glorie di Bagnacavallo rifugiati allo sbando, residenti arrabbiati

“La situazione, di per sé esplosiva, sta sfuggendo di mano: i residenti del quartiere di via Reale Glorie (civico 101/103), per la maggior parte stranieri regolari, molti dei quali già cittadini italiani, sono sulle barricate dopo che una cooperativa sociale ha preso in affitto 12 appartamenti, dentro ai quali sta ospitando dal 2014, una quarantina di rifugiati completamente “allo sbando”. La convivenza fra residenti e “migranti” sta diventando insostenibile ed il rischio concreto è che possa deflagrare da un momento all’altro”. A lanciare l’allarme è la referente provinciale di Ravenna della Lega, Samantha Gardin, cui si è rivolto il comitato spontaneo che i residenti di via Reale Glorie stanno costituendo.

“Mi riferiscono che i 40 “rifugiati”, che qualcuno dice essere in quarantena, in realtà facciano quello che vogliono: girano liberamente, bivaccano negli androni e nei parcheggi, fumano nel vano scale ed i momenti di tensione con i residenti sono ormai quotidiani, tanto che più volte al giorno viene richiesto l’intervento delle Forze dell’ordine” spiega la leghista.

“Il quartiere di via Reale Glorie è abitato prevalentemente da stranieri regolari sul territorio, ben integrati che lavorano e che non tollerano più “che i richiedenti asilo appena arrivati, vengano lasciati allo sbando da chi, invece, percepisce contributi dallo Stato per gestirli. Nel mirino dei residenti vi è la Società Cooperativa che ha vinto il bando per la gestione dei migranti e che li ha collocati nei sette appartamenti presi in affitto” prosegue la Gardin.

“La cosa più grave, in tutta questa vicenda – spiega Gardin – è che i residenti mi riferiscono che a loro risulta che questi richiedenti asilo “siano essere in quarantena”, ma non essendo controllati dalla coop, fanno quello che vogliono, girano liberamente, e mettono a rischio la salute pubblica. Il maggior timore dei residenti della zona, famiglie con figli, è che l’assoluta inosservanza delle disposizioni anti-contagio possa portare a un focolaio, in un quartiere molto popoloso come quello di via Reale Glorie”.

“Chiedo alle autorità competenti di verificare se i richiedenti asilo ospitati negli appartamenti di via Reale Glorie siano effettivamente sottoposti a quarantena e, in caso affermativo, di intervenire con la massima urgenza onde scongiurare rischi sanitari per tutto il quartiere. L’interrogativo, più che legittimo nasce dal fatto che diversi video registrati da condomini segnalano come gli operatori della cooperativa si rechino presso gli appartamenti in cui alloggiano i richiedenti asilo vestiti con tute e dispositivi di protezione anti-contagio” conclude Gardin.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    Rimpatriarli no, eh?

  2. Scritto da Paolo Melandri

    anche a ravenna in zona stadio e da prima del lock down che nella piazza del mercato vi stazionano due camper di rom e nessuno dice niente……. e la questura dista 50 mt ……

  3. Scritto da batti

    al sig melandri,i rom da lui menzionati sono di nazionalità ITALIANA,quindi come me e lei..alla sig. gardin farei notare che dal 2014 c è stato anche i 14 mesi di salvini ministro