Cervia: l’esperienza di una comunità che si mobilita per l’accoglienza dei richiedenti asilo

Sono sessantacinque le persone provenienti da diversi paesi che hanno trovato accoglienza nel comune

Più informazioni su

Anche Cervia, come diversi comuni italiani si è dimostrata aperta ad ospitare i richiedenti asilo. Tutto è cominciato il 23 luglio quando la Prefettura di Ravenna ha assegnato i primi rifugiati all’hotel Kitty di Tagliata. Sono in tutto sessantacinque le persone provenienti da diverse nazionalità, fuggite dal proprio paese d’origine per sottrarsi a quelle violazioni dei diritti fondamentali della persona, che ogni individuo dovrebbe avere la facoltà di poter esercitare. Di madre lingua francese o inglese, ora stanno frequentando i corsi per apprendere l’italiano, tenuti da insegnanti volontari, condizione necessaria per sostenere il colloquio, al fine di essere riconosciuti profughi. 

 

Resteranno qui fino a quando non saranno convocati davanti a una Commissione Territoriale, che valuterà caso per caso il riconoscimento dello “status di rifugiato”, poi saranno liberi di scegliere la loro strada. A tal fine si ricorda che si stanno cercando altre persone che possano dedicare parte del proprio tempo per insegnare ai profughi la lingua italiana. La Consulta del Volontariato si è presa l’incarico di far fronte a questa situazione di emergenza, attivando tempestivamente associazioni e singoli volontari che hanno reperito quanto potesse essere necessario per l’ospitalità dei ragazzi (come ad esempio abiti, scarpe, prodotti per l’igiene personale). L’Amministrazione Comunale e le diverse associazioni coinvolte si sono adoperate per strutturare una serie di azioni volte ad affrontare adeguatamente l’accoglienza dei profughi. L’Amministrazione inoltre ha messo a disposizione un operatore di supporto per facilitare i diversi interventi, che sono principalmente volti a favorire l’inserimento dei ragazzi nel territorio, organizzare il loro tempo libero, provvedere ai loro beni primari e coinvolgerli nell’adempimento di lavori socialmente utili. Inoltre i profughi possono avvalersi di un Presidio sanitario di riferimento per visite, medicinali e assistenza sanitaria. Ora si stanno impegnando in attività di volontariato, alcuni collaborando con Mensa Amica e Monticulum, altri in attività di pulizia e decoro e piccola manutenzione della città. Nell’ottobre scorso è stata firmata una convenzione tra la Prefettura di Ravenna, Antonio Pomponio gestore dell’Hotel Kitty e Oriano Zamagna presidente della Consulta del Volontariato dove sono stati formulati i criteri di impegno e interventi da svolgere nei confronti dei richiedenti asilo.

 

Il Sindaco Luca Coffari ha dichiarato: “E’ una bella esperienza di una comunità che si mobilita per l’accoglienza alle persone. Cervia è sempre stata una città aperta e sensibile nei confronti di chi soffre, impegnandosi con azioni concrete per offrire e garantire un’accoglienza che dia dignità alle persone che hanno più bisogno. Ringrazio la Prefettura di Ravenna, l’hotel Kitty e la Consulta del volontariato di Cervia, nella persona del suo presidente Oriano Zamagna, e tutte le realtà associative e i singoli cittadini che si sono prodigati e si stanno tuttora prodigando giornalmente in questa importante azione umanitaria.”

Più informazioni su