Quantcast

Susanna Ponti eletta segretaria provinciale della SLC CGIL

"Tra le priorità da affrontare la difficile situazone degli uffici postali"

Più informazioni su

 “Affronteremo con grande attenzione tutte le problematiche in atto per i diversi settori di cui la categoria si occupa – dice la segretaria -. Non è un momento facile per l’economia italiana in generale e, ogni giorno, siamo impegnati nella massima tutela di tutti i lavoratori”.
Susanna Ponti sarà impegnata, come moderatrice, giovedì 26 marzo a Bologna, nell’incontro pubblico “Poste italiane – Quale futuro tra privatizzazione e ridimensionamento del servizio universale”, in programma al Salone Di Vittorio della Cgil di Bologna. “La situazione in Poste Italiane è una vera emergenza per tutta la regione e l’Italia – commenta Susanna Ponti -. Nel Ravennate gli uffici di Filetto, San Martino in Gattara, San Lorenzo di Lugo e San Bernardino sono a rischio chiusura, mentre potrebbero essere vittime di una razionalizzazione le strutture di Savarna e Santerno. La Slc Cgil è contraria alla visione aziendale che vede gli uffici postali come un semplice costo. Non è possibile lasciare un intero territorio senza punti di riferimento e servizi. Nel Ravennate si creerebbero forti disagi per i cittadini e il postino elettronico di cui parla Poste Italiane risponderebbe solo ad alcune esigenze; non può certo sostituire la presenza capillare degli uffici postali”.
La segretaria della Slc sottolinea che gli italiani pagano, attraverso le tasse, un servizio universale di poste: “Se queste sono le condizioni, gli italiani pagano ma non ottengono alcun servizio. Per questi motivi la Slc Cgil è al fianco delle istituzioni nel chiedere di rivedere il piano di chiusura degli uffici, discutendone con l’azienda e la cittadinanza. Poste Italiane ha per ora fermato il piano di chiusura in attesa di un incontro con le istituzioni locali. Noi continueremo nella nostra azione di sensibilizzazione”.. Succede a Davide Conti che è divenuto segretario provinciale della Fillea Cgil. La Slc e la Cgil ringraziano Davide Conti per il prezioso ruolo svolto in questi anni alla guida della categoria e augurano buon lavoro alla nuova segretaria, che vanta una lunga esperienza sindacale all’interno della Slc, prima come Rsu e poi dal 2010 come funzionaria di categoria.

“Affronteremo con grande attenzione tutte le problematiche in atto per i diversi settori di cui la categoria si occupa – dice la segretaria -. Non è un momento facile per l’economia italiana in generale e, ogni giorno, siamo impegnati nella massima tutela di tutti i lavoratori”.

Susanna Ponti sarà impegnata, come moderatrice, giovedì 26 marzo a Bologna, nell’incontro pubblico “Poste italiane – Quale futuro tra privatizzazione e ridimensionamento del servizio universale”, in programma al Salone Di Vittorio della Cgil di Bologna.

“La situazione in Poste Italiane è una vera emergenza per tutta la regione e l’Italia – commenta Susanna Ponti -. Nel Ravennate gli uffici di Filetto, San Martino in Gattara, San Lorenzo di Lugo e San Bernardino sono a rischio chiusura, mentre potrebbero essere vittime di una razionalizzazione le strutture di Savarna e Santerno. La Slc Cgil è contraria alla visione aziendale che vede gli uffici postali come un semplice costo. Non è possibile lasciare un intero territorio senza punti di riferimento e servizi. Nel Ravennate si creerebbero forti disagi per i cittadini e il postino elettronico di cui parla Poste Italiane risponderebbe solo ad alcune esigenze; non può certo sostituire la presenza capillare degli uffici postali”.

La segretaria della Slc sottolinea che gli italiani pagano, attraverso le tasse, un servizio universale di poste: “Se queste sono le condizioni, gli italiani pagano ma non ottengono alcun servizio. Per questi motivi la Slc Cgil è al fianco delle istituzioni nel chiedere di rivedere il piano di chiusura degli uffici, discutendone con l’azienda e la cittadinanza. Poste Italiane ha per ora fermato il piano di chiusura in attesa di un incontro con le istituzioni locali. Noi continueremo nella nostra azione di sensibilizzazione”.

Più informazioni su