Inaugurato l’Italian Makers Village, il fuori Expò di Confartigianato a Ravenna

Sono nove le aziende ravennati che saranno presenti, per Cervia il Parco delle Saline

Più informazioni su

Taglio del nastro, lo scorso 30 aprile a Milano, per Italian Makers Village, il fuori Expo delle eccellenze artigiane realizzato da Confartigianato in via Tortona 32. In 1800 metri quadrati di “villaggio”, per l’intera durata di Expo 2015, i visitatori incontreranno 800 eccellenze produttive italiane (a rotazione settimanale secondo un calendario tematico) in un’ottica diversa da quella espositiva: intrattenimento e coinvolgimento guideranno un calendario di oltre 1000 appuntamenti.

 

Sei mesi di eventi, mostre, incontri, workshop e percorsi tematici con protagonista l’eccellenza artigiana nei settori agrifood, moda, design, arte e meccanica.

L’Italian Makers Village, realizzato con il patrocinio di Expo 2015 e del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, nasce con l’obiettivo di promuovere attraverso l’esperienza diretta il valore culturale e sociale dell’artigianato come punto d’incontro tra tradizione e innovazione e come colonna portante del Made in Italy di qualità.

A inaugurare l’iniziativa il Presidente di Confartigianato for Expo Marco Granelli, il Ministro delle Politiche Agricole con delega a Expo Maurizio Martina, il Governatore della Lombardia Roberto Maroni, il Vice Sindaco di Milano Ada Lucia De Cesaris.

“Expo 2015 – ha sottolineato il Segretario della Confartigianato provinciale di Ravenna Tiziano Samorè – è una sfida per rilanciare agli occhi del mondo i valori del nostro sistema produttivo, fondato sul sistema delle piccole imprese, e per riaffermare con orgoglio la qualità e lo stile del saper fare italiano. I risultati di questo impegno si vedono proprio sui mercati internazionali dove le piccole imprese tengono alta la bandiera del made in Italy: secondo i dati dell’Ufficio studi di Confartigianato, nel 2014 l’export dei settori a maggiore presenza di piccole imprese ammonta a 101 miliardi di euro, in crescita del 3,5% rispetto ai 98 miliardi del 2013″.

“Le presenze del nostro territorio – ha proseguito Samorè – che saranno protagoniste nella settimana dal 25 al 29 giugno sono: Studio T (Russi), Ceramica Gatti 1928 (Faenza), Cristina Rocca (Ravenna) e il Parco delle Saline di Cervia; mentre nella settimana dal 17 al 21 settembre, al momento hanno confermato la loro adesione le Aziende Studio T (Russi), il Maglificio Macdonald (Villa San Martino), Rou Materiaal (Ravenna), Casolab Srl (Casola Valsenio) ed il Comune di Faenza.
Mi fa piacere sottolineare – ha concluso Samorè – che una nostra Impresa sarà presente in maniera del tutto speciale e per tutti i sei mesi di apertura dell’Italian Makers Village: si tratta della Garvan di Faenza, che fornirà i diffusori acustici a tutta l’area sede dell’evento”.

Oltre all’intrattenimento e agli eventi di carattere culturale, il Village prevede un calendario di incontri e di attività rivolte alle stesse imprese artigiane: incoming di buyers e delegazioni commerciali estere per facilitare l’internazionalizzazione delle PMI aderenti al sistema Confartigianato. Ogni settimana vedrà proposto un tema declinato attraverso le esposizioni, gli eventi, le iniziative culturali e la ristorazione: dai territori alle start-up, dalle filiere alle singole categorie produttive.

All’interno del villaggio: 27 spazi espositivi nella Rassegna delle Eccellenze, 10 temporary shop nello Store delle Eccellenze, 6 aree esterne per lo street food, una sede polifunzionale per gli eventi e il ristorante. Il Village, come i protagonisti della “artigenialità” italiana che lo animano, si rivolge ad un pubblico eterogeneo e a tutte le fasce di età.

L’ingresso all’Italian Makers Village di Via Tortona è, naturalmente, libero e gratuito.

Più informazioni su