Consiglio comunale, approvate le linee di indirizzo per la gestione della Casa della Musica

Si tratta dell’unica sala prove pubblica comunale, aperta dal 2002

Più informazioni su

Nella seduta di giovedì scorso il consiglio comunale ha approvato le linee di indirizzo attraverso le quali verrà individuato il soggetto gestore del centro polivalente di proprietà comunale Casa della Musica, in via Sant’Alberto73, per il periodo maggio 2016 – dicembre 2018, tramite procedura pubblica con valutazione delle proposte secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, con prevalenza degli elementi qualitativi del progetto rispetto a quelli economici.

Si tratta dell’unica sala prove pubblica comunale, aperta dal 2002.

La delibera è stata illustrata dall’assessora alle Politiche giovanili Valentina Morigi.

Morigi ha ricordato che il soggetto prescelto dovrà svolgere attività di promozione della musica dal vivo e della musica emergente anche attraverso l’organizzazione di eventi, rassegne e festival che favoriscano ed incentivino la partecipazione di gruppi e band di giovani artisti locali; nonché di progettazione, creazione e produzione di eventi artistici attraverso modalità di lavoro di gruppo. Gli competerà inoltre la gestione delle due sale prova e della sala di registrazione, a tariffe di utilizzo calmierate, in modo tale da consentire e favorire la più larga fruizione del centro.

La base d’asta è stata stabilita in 18mila euro l’anno (48mila per l’intero periodo di gestione) in quanto tale cifra è stata ritenuta congrua a coprire la differenza tra le spese sostenute e le entrate realizzate, riconducibile ai vincoli imposti alla gestione della struttura, specie connessi alla manutenzione ordinaria dell’immobile e delle attrezzature tecniche, oltre che al limite imposto alle tariffe per l’utilizzo delle sale in considerazione della precipua finalità di pubblico interesse che si intende perseguire.

Morigi ha sottolineato che le sale prove e la sala di registrazione, dotate di strumentazioni all’avanguardia, sono mediamente frequentate da cinquanta persone al giorno e vengono concesse in uso a tariffe che vanno dai 7,5 ai 9 euro l’ora: “Con la Casa della Musica abbiamo realizzato una delle esperienze più longeve e positive di sale prove pubbliche, dando un’importante opportunità non solo ai giovani musicisti ravennati ma anche agli adulti. Si sono inoltre realizzate positive forme di collaborazione con altre realtà; penso ad esempio alla scuola Pescarini con la quale è stato organizzato il corso per tecnico del suono”.

I consiglieri Francesco Baldini (Forza Italia), Lorenzo Gatti (Movimento 5 Stelle) e Daniele Perini (Pd) hanno dichiarato voto favorevole.
Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna) ha dichiarato voto favorevole “nonostante si prospetti nella gara la sproporzionata attribuzione di 80 punti all’offerta tecnica e di 20 a quella economica, perché il lungo precedente della gestione di questo servizio viene valutato positivamente e attorno a esso si è sempre registrato un clima di consenso e apprezzamento”. Nereo Foschini (Ncd) ha dichiarato voto favorevole sottolineando con favore “il fatto che si passi dalla scelta del gestore tramite affidamento diretto a quella tramite bando” e dicendo di ritenere “che il servizio risponda adeguatamente ai bisogni del territorio”.
Alberto Donini (Lega Nord) ha dichiarato voto favorevole sottolineando l’utilità e la positività dei servizi offerti dalla struttura a tutta la comunità ravennate.

Più informazioni su